Home Notizie Bilancio annuale del Carabinieri, in crescita le truffe agli anziani

Bilancio annuale del Carabinieri, in crescita le truffe agli anziani

Ieri pomeriggio, presso la sede del comando provinciale dei Carabinieri a Bergamo (caserma intitolata a “Lorenzo Forleo”), alla presenza del Prefetto Elisabetta Margiacchi e di numerose autorità civili, religiose e militari, si è tenuta la cerimonia del 205° anniversario della fondazione dell’Arma.

In occasione della festa annuale sono stati presentati i dati relativi all’ultimo anno di attività. Il valore più allarmante è quello afferente le truffe agli anziani: negli ultimi 12 mesi i casi sono stati 615, contro le 343 registrati l’anno precedente, un aumento di circa il 79%. Il Comandante provinciale, il Colonnello Paolo Storoni, ha ribadito che «contro questo reato odioso bisogna fare sistema e partecipare tutti, troppe volte ci sono anziani lasciati soli anche dai loro parenti».

Un altro dato in crescita è quello dei danneggiamenti 4716, 670 in più con 11 arresti, un fatto dovuto a una maggiore litigiosità fra le persone con danni alle proprietà e addirittura incendi. È invece sceso il numero complessivo dei furti da 19260 a a 18371 con 115 arresti. I furti in abitazione sono stati 4311, nei negozi 1167.

Calato il numero delle rapine: 305, con 37 arresti. I reati contro il patrimonio, per i quali sono state arrestate 194 persone e 1852 denunciate, sono saliti da 26639 a 26748. Le truffe e frodi informatiche sono state 2780 con 3 soli arresti. I casi di ricettazione 227, con 22 arresti; le estorsioni 151 con 6 arresti. 

Il Comandante provinciale ha ricordato inoltre l’attività di ascolto avviata in collaborazione con i Comuni anche più periferici. «Sono punti di ascolto che abbiamo voluto iniziare quest’anno – ha spiegato il Comandante -. Si tratta di una nuova modalità di approccio ai cittadini con cui cercare di andare sul territorio per percepire sensazioni, umori e disagi che si avvertono solo con il contatto diretto, quando si sta tra la gente e per non aspettare che le persone vengano poi in caserma. Quando succede, spesso accade in un momento drammatico. Inoltre spesso non si ha il coraggio di confidarsi, per questo abbiamo rimodulato e voluto questo nuovo approccio con il cittadino».

Il Colonnello Paolo Storoni, Comandante provinciale dei Carabinieri di Bergamo

Con le celebrazioni del 205° anniversario dell’Arma sono state assegnate anche alcune distinzioni di merito a militari che operano sul territorio di riferimento della nostra testata.

In particolare è stata assegnata una lettera di compiacimento al Brigadiere Capo Ezio Paolo Lucato della Compagnia di Clusone e lettere di apprezzamento invece per gli appuntati scelti qualifica speciale Raoul Pomati e Devis Comandella; al maresciallo capo Francesco Ciaco, comandante della stazione carabinieri di Gandino e al Maresciallo Luca Galioto, comandante della stazione Carabinieri Forestale di Colzate.

Un servizio verrà trasmesso questa sera all’interno del telegiornale di Antenna2 in onda alle ore 19.20 sul canale 88 del digitale terrestre.

Lettera di compiacimento concessa il 5 giugno 2019 dal Comandante provinciale Carabinieri di Bergamo al Brigadiere Capo Ezio Paolo Lucato, addetto alla sezione operativa del nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Clusone con la seguente motivazione:

Brigadiere Capo addetto a sezione operativa di nucleo operativo radiomobile di Compagnia distaccata, venuto a conoscenza nella notte di grave rapina a mano armata commessa da un uomo e una donna travisati, immediatamente creava collegamento investigativo con analogo episodio commesso ai danni di ufficio postale su cui avanzata era l’attività investigativa da lui posta in essere. Immediatamente reperiva altri colleghi e si univa alla ricerca di malviventi. Concordata la predisposizione di un posto di blocco, in Onore, concorreva in prima persona e in modo determinante a intercettare i due fuggitivi, favorendo le condizioni per la successiva cattura dei due rapinatori. Nelle operazioni descritte, per ben due volte, veniva investito dai malviventi con la loro autovettura, subendo gravissime lesioni. Fulgido esempio di elette virtù militari, non comune senso del dovere ed eccezionale tenacia investigativa, doti tutte spinte in modo cosciente all’estremo limite, incurante delle possibili conseguenze per la propria persona. Clusone-Onore 30 ottobre 2018.

Lettera di apprezzamento concessa il 5 giugno 2019 dal comandante provinciale carabinieri di Bergamo agli appuntati scelti qualifica speciale Raoul Pomati e Devis Comandella, addetti alla sezione radiomobile del nucleo operativo radiomobile della Compagnia Carabinieri di Clusone con la seguente motivazione:

Capo equipaggio e autista di sezione radiomobile, dimostrando un notevole acume investigativo e un non comune spirito di sacrificio, hanno contribuito all’arresto, in quasi flagranza di reato, di due autori di rapina che durante la fuga avevano forzato un posto di blocco investendo un militare dell’arma provocandogli gravissime lesioni. Le qualità umane che li contraddistinguono, unite a uno spessore professionale di assoluto rilievo, hanno contribuito a rinsaldare il rapporto di fiducia e prossimità con la comunità locale che in più occasioni ha manifestato sentimenti di gratitudine e rispetto nei confronti dei militari e delle istituzioni. Clusone-Onore 30 ottobre 2018.

Lettera di apprezzamento, quale prima attestazione di merito, concessa il 5 giugno 2019 dal comandante provinciale Carabinieri di Bergamo al maresciallo capo Francesco Ciaco, comandante della stazione Carabinieri di Gandino, con la seguente motivazione:

Comandante di stazione distaccata evidenziando elevata professionalità e spiccata attitudine investigativa avendo avuto notizia di un grave reato commesso ai danni di una coppia di anziani avviava indagine di polizia giudiziaria che consentivano di ottenere l’individuazione delle due persone responsabili e le misure custodiali coercitive, fornendo un insostituibile supporto tecnico operativo alla Procura della Repubblica di Bergamo venivano quindi interrotti i reiterati maltrattamenti e i soprusi ai danni delle vittime contribuendo a consolidare l’immagine e il prestigio dell’istituzione. Gandino dicembre 2018 – maggio 2019.

Tra i militari che hanno ricevuto lettere di apprezzamento concesse il 5 giugno 2019 dal Colonnello Mauro Macino, comandante del gruppo Carabinieri Forestale di Bergamo, c’è anche il Maresciallo Luca Galioto, Comandante della stazione Carabinieri Forestale di Colzate con la seguente motivazione:

Comandanti di stazioni e comandante di nucleo comando per avere svolto i propri compiti con elevato senso del dovere e responsabilità con una non comune abnegazione al servizio delle istituzioni con una estrema efficienza e correttezza, rappresentando tutti un punto di riferimento per i propri dipendenti e per i superiori, per la cittadinanza e per le autorità locali, riscuotendo stima e unanime consenso. Il loro modo di riferirsi al lavoro ha contribuito a elevare il prestigio e l’immagine dell’Istituzione.

 

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here