Home Notizie L’idea: un museo della musica in Val Seriana

L’idea: un museo della musica in Val Seriana

Un museo della musica in Val Seriana. L’idea è di Gigi Bresciani, organizzatore di concerti che ha portato in Bergamasca (e non solo) grandi nomi della scena internazionale. Da Hevia a John Renbourn, da Alan Stivell a Suzanne Vega, da Richard Thompson a Ian Anderson dei Jehtro Tull. 

«Quarant’anni di concerti tutti documentati dal punto di vista audio e video, oltre a manifesti e rassegne stampa – sottolinea Bresciani -. Un immenso materiale, che ho catalogato, e a mio parere bisognerebbe conservare». Da qui l’idea di un museo della musica o di un archivio aperto al pubblico in Val Seriana.

«Un luogo per poter esplorare quanto è stato fatto negli anni passati, un punto di riferimento soprattutto per chi non ha avuto la possibilità di venire ai concerti. Penso soprattutto al pubblico giovane. Per quelli della nostra età, invece, sarebbe un tuffo nel passato con tanti ricordi», aggiunge Bresciani, che è anche collezionista di dischi in vinile e riviste musicali.

Il museo offrirebbe anche l’occasione per scoprire generi musicali poco frequentati. «Il campo d’azione nostro è sempre stata la musica etnica, con particolare riferimento alla musica celtica, oltre a divagazioni in un certo jazz d’avanguardia», sottolinea ancora Bresciani. E, soffermandosi sul materiale che lui gelosamente ancora conserva, ce n’è davvero per tutti i gusti.

Ora la sfida è far sì che non vada perso. «Il progetto del museo è stato portato all’attenzione della Regione – prosegue Bresciani -. Ora serve un ulteriore step: deve essere presentato ufficialmente da un ente pubblico. Siamo quindi alla ricerca di un ente disponibile o di un’associazione formalmente riconosciuta per fare un museo di valle. In questi giorni c’è stata la notizia di una casa della musica a Nembro: potrebbe essere la sede ideale. Anche se, vivendo a Gandino, mi piacerebbe fosse a Gandino o in Val Gandino. Potrebbe essere l’unico museo di questo tipo in nord Italia e richiamare molti appassionati». 

L’intervista a Gigi Bresciani:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here