Home Notizie Elezioni a Costa Volpino: gli obiettivi di “Idea Civica Costa Volpino Facchinetti...

Elezioni a Costa Volpino: gli obiettivi di “Idea Civica Costa Volpino Facchinetti Sindaco”

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione delle liste (sabato 4 settembre) il quadro è già definito: a Costa Volpino le forze in campo, salvo sorprese dell’ultimo minuto, saranno due. Oltre alla lista di Federico Baiguini (in continuità con l’attuale maggioranza, candidatura già annunciata nel dicembre 2020) ci sarà anche “Idea Civica Costa Volpino Facchinetti Sindaco” con candidato sindaco Nicola Facchinetti, 30 anni, alla sua prima esperienza amministrativa.

«Ho deciso di candidarmi per correre questa avventura per le amministrative di Costa Volpino – afferma Facchinetti – perché credo molto in un rilancio del mio paese e del mio territorio in cui vivo da sempre. Sono laureato in Ingegneria Civile e Ambientale all’Università di Pavia. Prima ancora mi sono diplomato come geometra all’Olivelli di Darfo e ho sempre usato le mie capacità matematiche nella vita lavorativa operando come promotore, analista e broker sportivo».

«La lista – prosegue Facchinetti – nasce da una trentina di cittadini raggruppati sul nostro territorio, tutti di Costa Volpino, persone che 2 anni fa hanno deciso di incontrarsi e mettere sul tavolo opinioni e idee. Da lì è nata la lista di 12 persone. Il gruppo mi ha proposto di essere il candidato sindaco e io ho accettato volentieri perché credo in un rilancio turistico e di servizi del nostro territorio e insieme a un miglioramento delle condizioni della qualità della vita, che oggi sono venute a mancare in tema di viabilità e sicurezza».

In lista, come candidati consiglieri: Massimo Azzalini, Marco Bellinello, Roberta Bertoni, Mirco Bettineschi, Francesca Bianchi, Michele Clerici, Luciana Deleidi, Elena Epilotti, Denise Malvicini, Giuditta Oprandi, Stefano Pasinelli e Andrea Vispa.

Alcuni punti del programma

«Tra gli obiettivi principali – illustra Facchinetti – c’è il rilancio turistico del nostro territorio. Il lago d’Iseo, dopo The Floating Piers, ha vissuto una crescita incredibile. Noi siamo rimasti come fanalino di coda tra i paese dell’Alto Sebino e questo non possiamo permettercelo. Abbiamo intenzione di riqualificare la sponda nord del lago. Un altro obiettivo che abbiamo è la ristrutturazione delle case sfitte o inabitate incentivando i proprietari a trasformale in strutture ricettive per il turismo. Vogliamo abolire gli oneri per chi va investire su queste attività. Vogliamo un Comune a misura di cittadino. I servizi ora ci sono ma non sono su misura di cittadino. Esempio: la biblioteca non ha i parcheggi e non ha un’aula studio. Noi vogliamo trasformare questa struttura in un vero e proprio centro per disabili per rendere effettivo il tema del “dopo di noi”. La biblioteca verrà inserita, dopo un’attenta ristrutturazione, nella ex scuola di Volpino, al piano terra. Il primo piano verrà adibito a casa delle associazioni e con la riqualificazione del campo dell’oratorio in parco naturale per la lettura e skate park, possiamo riportare nella frazione di Volpino un vero e proprio polo giovanile. Le frazioni della Costa sono state abbondonate. La chiusura delle botteghe ha portato una carenza di servizi nella Costa. Partendo con la ristrutturazione della scuola elementare di Branico vogliamo ridare vita alla Costa e alle sue frazioni».