Home Notizie Inaugurata la rotatoria, Ponte Nossa ora pensa al ponte

Inaugurata la rotatoria, Ponte Nossa ora pensa al ponte

Già operativa da una decina di giorni, la nuova rotatoria di Ponte Nossa è stata inaugurata oggi, sabato 25 settembre. Lungo la Statale 671 della Valle Seriana, vicino alla stazione del paese, i lavori sono finiti con un mese di anticipo sul previsto. Iniziati il 19 aprile avrebbero dovuto concludersi il 15 ottobre, ma si sono chiusi il 16 settembre.

L’obiettivo dell’opera era mettere in sicurezza un incrocio pericoloso, con diversi accessi, spesso teatro di incidenti. Un intervento da quasi un milione di euro arrivato al termine di un iter laborioso, durato diversi anni, come ha ricordato questa mattina il sindaco di Ponte Nossa Stefano Mazzoleni. Il percorso, oltre al Comune, ha coinvolto la Provincia di Bergamo, la Regione Lombardia e lo Stato.

«Abbiamo raggiunto un obiettivo che perseguivamo da diversi anni – ha detto il primo cittadino di Ponte Nossa -. È stato un percorso difficile, dove non sono mancati momenti di sconforto, quando si pensava di non potercela fare. Ma voglio sottolineare gli aspetti positivi di questa vicenda. Soprattutto il fatto che abbiamo messo in sicurezza questo incrocio con 980 mila euro di fondi europei stanziati dal governo Renzi nel 2015/2016 e distribuiti dalla Regione con il primo Patto per la Lombardia».

Lungo l’elenco dei ringraziamenti da parte del sindaco: «Grazie all’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Terzi, e al consigliere regionale Roberto Anelli. Poi alla Provincia di Bergamo con il presidente Gianfranco Gafforelli e i dirigenti. Ai progettisti, l’ingegner Agostino Maninetti e il suo team. Grazie anche ai miei collaboratori, assessori e consiglieri, ai dipendenti comunali. Abbiamo poi avuto la fortuna di trovare due aziende bergamasche, Artifoni di Albano Sant’Alessandro e Legrenzi di Clusone, a cui devo fare i complimenti per come hanno lavorato».

Alla cerimonia d’inaugurazione hanno partecipato diversi sindaci dell’Alta Val Seriana, molte persone coinvolte a vario titolo nell’intervento, i rappresentanti di gruppi e associazioni di Ponte Nossa. Oltre al sindaco di Ponte Nossa, sono intervenuti il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli e il consigliere regionale Roberto Anelli (in rappresentanza anche dell’assessora Claudia Terzi, che non ha potuto essere presente). Prima del taglio del nastro, il parroco di Ponte Nossa don Alessandro Angioletti ha impartito la benedizione.

La rotatoria ha un diametro di 46 metri ed è stata realizzata su una strada dove, secondo stime degli anni scorsi, transitano oltre ventimila veicoli al giorno. Sul rondò si immettono i veicoli che provengono dalla Statale 671, dal centro di Ponte Nossa e dall’area della stazione. E un ulteriore accesso potrebbe aggiungersi nei prossimi anni.

«Il progetto originario – ci ha detto il sindaco a margine della cerimonia – prevedeva come secondo lotto la realizzazione di un nuovo ponte per collegare la rotatoria alla zona industriale del paese, forse la più importante dell’alta Val Seriana. Attualmente lavorano in quell’area circa 400 persone. Da qualche mese è partito un piano attuativo e potenzialmente si potrebbe arrivare anche a700 lavoratori. Abbiamo però un ponte, il ponte De Angeli, che è datato e ha delle carenze. Con il Piano Lombardia abbiamo ottenuto 300 mila euro per metterlo in sicurezza. A breve cominceranno i lavori, ma abbiamo 4/5 anni di tempo per costruire il nuovo».

Il rendering di progetto con il nuovo ponte

«La rotatoria è progettata per poter innestare un nuovo ponte – ha aggiunto Mazzoleni -. Non è l’unica soluzione, ce ne sarebbe un’altra in una zona diversa del paese, ma stiamo cercando finanziamenti. L’esperienza della rotatoria ci ha fatto crescere come amministratori, ora vorremmo poter alzare l’asticella e pensare di poter realizzare anche un ponte».

L’intervista al sindaco di Ponte Nossa: