Home Speciale Amministrative 2015 Clusone. La sicurezza tra i primi punti del programma di Morstabilini

Clusone. La sicurezza tra i primi punti del programma di Morstabilini

Tra i temi che hanno animato in modo particolare la campagna elettorale baradella c’è la sicurezza, uno dei punti cardine del programma di “Clusone Viva” diMassimo Morstabilini. «Una città dall’alta qualità della vita – spiega Morstabilini – è necessariamente una città sicura. Sono necessari diversi interventi in molti ambiti per garantire ai nostri cittadini e ai visitatori la tranquillità dello stare a Clusone».

Diverse le cose che ha in programma di fare la lista a tal proposito.

«La razionalizzazione del sistema di illuminazione pubblica (con apparati a basso consumo) per le zone meno sorvegliate e il potenziamento del sistema di videosorveglianza del territorio comunale, in collegamento con le forze dell’ordine, sono due fondamentali interventi che vogliamo realizzare. Pensiamo poi a un servizio di polizia notturna con la collaborazione dei comuni limitrofi ed i rispettivi comandi di Polizia locale. Fondamentale, come già detto in questi giorni, saràmantenere a Clusone la stazione dei Carabinieri e questo è un obiettivo che vogliamo perseguire sin da subito. Il problema dei furti e i tristi fenomeni di vandalismo sul territorio comunale hanno prodotto in noi cittadini una sensazione di insicurezza che va assolutamente cancellata».

Un argomento restato sullo sfondo della campagna elettorale è la possibilità di dover accogliere immigrati anche a Clusone. «Le valutazioni in merito sono decisioni della Prefettura – continua il candidato alla carica di primo cittadino -, riteniamo però fondamentale garantire priorità ai bisogni e alle esigenze di noi cittadini, il rispetto del nostro territorio e della nostra cultura. Il senso di accoglienze e solidarietà è profondo nella nostra città che non lo ostenta, ma lo pratica nei fatti. Questo tuttavia va accompagnato sempre e comunque al rispetto delle leggi e del senso civico che valgono per tutti, clusonesi e non».

Infine, contrasto dell’accattonaggio e dell’abusivismo commerciale. «La maggior parte di questi fenomeni è organizzata da una rete di natura criminale. Intervenire non significa solo tutelare la legalità e il decoro urbano ma anche combattere queste situazioni di sfruttamento umano. Tutto ciò richiede alla base lacorretta formazione delle future generazioni. Ci impegniamo ad essere un supporto costante per le famiglie, le scuole e tutte le realtà educative che oggi più di ieri hanno il compito gravoso, ma fondamentale di trasmettere ai cittadini di domani un vero senso civico e una vera coscienza pubblica».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here