Home Notizie Villa d’Ogna, la vita del paese “salvata” online

Villa d’Ogna, la vita del paese “salvata” online

Un momento dell'inaugurazione di "Incroci" 2017

A Villa d’Ogna è di nuovo tempo di “Incroci”. La quarta edizione dell’iniziativa organizzata dall’associazione culturale Vdo Art si è aperta ieri sera (venerdì 11 agosto).

Al primo piano dell’oratorio “Beato Alberto” si può seguire il racconto per frammenti delle comunità di Villa d’Ogna, Ogna, Nasolino e Valzurio. Un percorso tra arte, teatro, musica, fotografia, sport, artigianato, tradizione e natura, che diventa un viaggio nella memoria delle comunità. C’è la storia della Festi Rasini, ma anche l’attività delle associazioni, così come non mancano le peculiarità del territorio.

L’edizione 2017 di “Incroci” è anche l’occasione per presentare il progetto di piattaforma digitale “Villa d’Ogna Smart Village”. «Abbiamo pensato di raccogliere tutto il materiale che negli anni abbiamo contribuito a scoprire e mostrare. Pensiamo a uno spazio online dove i cittadini, le associazioni, gli enti pubblici, privati e religiosi possano conservare e condividere le loro storie. Una piattaforma digitale per lasciare traccia e memoria della cultura delle nostre comunità», spiega Tommy Bonicelli, con Michelle Polini e Francesca Mazzoleni “anima” all’iniziativa e all’associazione Vdo Art.

“Incroci” si potrà visitare fino al 20 agosto tutti i giorni dalle 17 alle 23. Lunedì 14 agosto, alle 17,30, è anche possibile partecipare a un aperitivo culturale con visita guidata. L’associazione Vdo Art cerca anche sponsor, sostenitori e collaboratori per contribuire allo sviluppo del progetto “Vdo Smart Village”.

1 COMMENTO

  1. Bene iniziativa lodevole,allora sarebbe bello anche sapere che fine ha fatto la lapide ORIGINALE apposta dagli ex Partigiani sulla ex scuola di Valzurio poi rasa al suolo per lasciar posto”all’ostello”,posta li in ricordo del rastrellamento nazifascista avvenuto in loco.
    Possibile che li nessuno si sia posto la domanda di che fine abbia fatto tale importante segno di ricordo/memoria?

E tu cosa ne pensi?