Home Notizie Uniacque, restituzioni e attività per 205 milioni di euro

Uniacque, restituzioni e attività per 205 milioni di euro

Approvato all’unanimità il bilancio 2017 di Uniacque nell’assemblea ordinaria dei soci che si è tenuta in Fiera questa sera a Bergamo.

«Andiamo ad approvare il bilancio 2017 che chiude un triennio importante – spiega il presidente Paolo Franco -. Anche quest’anno continuiamo con investimenti e con la restituzione ai comuni dei ratei, oltre che a strutturare la società in funzione dell’erogazione dei servizi per cui è nata. Quanto è stato fatto è frutto delle indicazioni dei soci. Abbiamo prodotto ed erogato una serie di investimenti, restituzioni di ratei dei mutui e attività pari (nel triennio) a 205 milioni di euro, che significa una suddivisione (per numero di utenti) di quasi 838 euro pro capite. Per scongiurare sanzioni europee, abbiamo fatto investimenti su nuove reti fognarie (in tre anni) per 66 milioni di euro. L’anno migliore il 2017, con 23 milioni di euro. Abbiamo restituito ai comuni, che pagano il rateo per avere acquisito e realizzato opere attinenti al ciclo idrico integrato, un ammontare pari a 97 milioni di euro. I comuni aspettavano da moltissimi anni il pagamento di questi ratei. Non dimentichiamoci che abbiamo restituito ai cittadini, a cui è stato chiesto impropriamente di pagare la tassa sul refluo, quasi 6 milioni di euro. Abbiamo aumentato il capitale a 36 milioni di euro e abbiamo ridotto il debito partendo da una cifra di circa 197 milioni di euro a 114 milioni, il tutto aumentando la forza lavoro, riportando il servizio della depurazione all’interno, rispetto anche al knowhow, che è nostro. Diciamo che questa è una società che è riuscita a fare tutto questo grazie alla consapevolezza dei soci che questa è la loro società. Ritengo importante dire quello che siamo, perché questa realtà è un vero esempio di autonomia tutto bergamasca. L’unico mezzo di sostentamento sono le bollette e questi soldi per il 95% viene impiegato sul territorio bergamasco (oltre 92 milioni di euro all’anno) e i servizi gli eroghiamo proprio in terra bergamasca».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here