Home Notizie Albino, in arrivo colonnine elettriche e un distributore di pellet

Albino, in arrivo colonnine elettriche e un distributore di pellet

L'area della stazione Teb di Albino

Colonnine elettriche di ricarica , ma anche una casetta dell’acqua e un distributore di pellet. Ad Albino l’Amministrazione comunale punta ad incentivare la riduzione del consumo di petrolio e di plastica. Gli interventi sono tra quelli programmati per questo inizio 2019.

«In questo periodo abbiamo tanta carne al fuoco – osserva l’assessore ai Lavori pubblici, Cristiano Coltura -. Alcuni interventi ci vengono dal bilancio 2018. Ad esempio, stiamo terminando il posizionamento di 6 colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Nel giro di alcune settimane potrebbero essere già in funzione, installate da Enel X e dalla società Ressolar». Le colonnine troveranno posto vicino al municipio, alla stazione Teb, nel parcheggio di via Mafalda di Savoia (inizio via Mazzini), nel piazzale della funivia, nel piazzale La Pira (asilo nido) e in via I Maggio (parcheggio zona mercato della Valle del Lujo).

Nel parcheggio della stazione Teb (piazzale Falcone Borsellino) arriverà anche un nuovo distributore. «Sarà una casetta dell’acqua che abbinerà anche l’erogazione di pellet sfuso – prosegue Coltura -. Si tratta di un’altra occasione che abbiamo colto per riuscire a eliminare gli imballaggi, in particolare la plastica. I cittadini, quindi, potranno andare a fare rifornimento di pellet con sacchi ecologici o con loro contenitori».

L’assessore ai Lavori pubblici fa anche il punto sui cantieri in corso. «Siamo in dirittura d’arrivo con la nuova centrale termica del centro sportivo Rio Re. Stiamo realizzando un marciapiede su via Dehon, con attraversamento protetto. Un intervento che ci era stato sollecitato dalla dirigenza dell’Istituto “Romero”, perché il tragitto viene compiuto dagli studenti per raggiungere da scuola la palestra del Rio Re. Stiamo inoltre lavorando per l’ultimazione dell’area di sgambamento cani, un’opera molto richiesta dalla popolazione. L’abbiamo predisposta a poca distanza del ponte romanico sul Serio (a margine della ciclabile verso Pradalunga, ndr)».

L’area cani a margine della ciclabile

Altri cantieri verranno avviati nei prossimi mesi grazie ai fondi stanziati  in manovra dal governo per i comuni medio-piccoli. Albino, in quanto comune tra i 10 mila e i 20 mila abitanti, riceverà 100 mila euro. «Sono due le opere principali che eseguiremo con questi fondi – spiega ancora l’assessore Coltura -. La prima è la messa in sicurezza della via Dossello, in Valle del Lujo. Recentemente, infatti, abbiamo chiuso una delle due carreggiate per dei movimenti che hanno interessato il muro di contenimento. Siamo già in fase progettuale avanzata e a breve riusciremo a indire la gara per appaltare i lavori. L’altro intervento riguarda la via san Bernardo di Chiaravalle ad Abbazia. In questo caso il ponte sul torrente Lujo ha bisogno di manutenzione e, soprattutto, del rifacimento delle barriere».

3 COMMENTI

  1. L’area cani di Albino”praticamente”in comune di Pradalunga.
    Anche a Pradalunga saranno felici di ciò. Gli anziani di Albino che abitano in centro ed hanno un amico cane ringraziano.
    Magari farla a Bondo Petello in località Pràt de l’acqua accanto all’Albina no nè?!

  2. L’area cani, l’area capannoni , l’area mountain bike, tra poco non rimane nessun area per esseri umani. Non vi fermerete mai finché non sterminerete tutta la natura che circonda il fiume.

    • Di natura sulle sponde del nostro fiume Serio in media e bassa Valle Seriana é già un bel pò che non ne esiste più…
      Beata te Eugenia che ne vedi ancora, io vedo solo quatro Robinie etc con residui di plastica attacchati e pezzettininini di erba i più grandi privati e recintati cioè inaccessibili.
      Chiamarla natura mi sa di sforzo. Molto sforzo. La Natura é altro!!!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here