Home Notizie Vacanze di Natale in Val Seriana e Val di Scalve, operatori soddisfatti

Vacanze di Natale in Val Seriana e Val di Scalve, operatori soddisfatti

Nella prima parte della stagione invernale si respira già una certa soddisfazione tra gli operatori turistici della Valle Seriana e della Valle di Scalve.

Secondo quando si legge in un comunicato di Promoserio:

Se il buongiorno si vede dal mattino, un sentore di come sarebbero andate le vacanze delle festività natalizie era già arrivato a settembre quando, alla fine del mese, i referenti delle case vacanze disponibili per il capodanno comunicavano di essere già al completo. Nei mesi successivi la richiesta di informazioni su dove poter trascorrere gli ultimi giorni dell’anno e come riempire di emozioni le giornate di vacanze è stata sempre un crescendo rossiniano.
Negli uffici turistici è stato un susseguirsi di telefonate, richieste sia di persone non nuove in ValSeriana e Val di Scalve ma che volevano approfittare del periodo natalizio per approfondirne la conoscenza, sia di nuovi visitatori approdati in valle dalle vicinissime città della Lombardia, incuriositi dall’offerta turistica variegata: piste da sci, eventi legati alla tradizione locale, borghi da scoprire e buona cucina.

La conferma che la montagna in inverno piace e diverte arriva a feste terminate quando le luci natalizie si sono spente ed è il momento di fare il bilancio. Le strutture alberghiere ed extra-alberghiere da Castione della Presolana a Valbondione, passando per i Borghi della Presolana, da Clusone, Gromo e Ardesio hanno registrato un’affluenza alta con una media del 99% di camere occupate nel periodo che va dal 27 dicembre al 6 gennaio. Lo stesso vale anche per la Val di Scalve e per l’Altopiano Selvino Aviatico.

Le famiglie, le coppie di giovani e le compagnie arrivate per trascorrere giornate sulle piste, per concedersi momenti di relax, fare shopping e godersi l’atmosfera natalizia così tradizionale e accogliente in tutti i borghi del territorio sono state davvero tantissime. La conferma viene dai comprensori sciistici e dai rifugi in quota che, durante le festività, hanno avuto un vero e proprio assalto alle piste e alle proposte gastronomiche da gustare fra una discesa e l’altra.
L’altro dato rilevante è stata la generale soddisfazione espressa dagli ospiti che hanno apprezzato l’accoglienza e il comfort, il panorama e la disponibilità nelle strutture dove hanno soggiornato degustando ottimi menù a base di prodotti tipici. Dall’analisi del sentiment della rete, possibile grazie ai dati monitorati dalla piattaforma di Travel Appeal, è infatti emerso che la soddisfazione generale è molto alta, con un bel 89,4% di apprezzamento e un trend in crescita dello 0,4% rispetto alle scorse stagioni.

Possiamo quindi essere soddisfatti delle azioni di promozione che nel 2019 hanno visto la ValSeriana e la Val di Scalve proporsi in Fiere, educational e workshop coinvolgendo sempre più turisti, non solo dalle province lombarde ma anche da Emilia Romagna e Piemonte, con molte presenze di stranieri principalmente da Germania, Polonia e Svizzera, e qualche arrivo dal Giappone e dal Brasile. Prova del coinvolgimento e dell’interesse di nuovi visitatori arriva anche dall’analisi annuale degli accessi negli Infopoint e uffici turistici del territorio che registra un incremento del 37% rispetto all’anno 2018.

Quello che ora ci aspettiamo è una bella nevicata che permetta di mantenere alti i livelli di affluenza anche nei mesi di gennaio, febbraio e marzo, scelti sempre di più da stranieri, soprattutto provenienti da Polonia, Germania, Olanda, Polonia e Scandinavia per le settimane bianche, e teatro di molte competizioni sciistiche importanti sia di discesa sia di fondo in grado di coinvolgere un grande pubblico di appassionati.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here