Home Notizie Ardesio, primi interventi per sistemare i danni del maltempo

Ardesio, primi interventi per sistemare i danni del maltempo

Primi fondi da parte della Regione per sistemare i danni causati dal maltempo delle scorse settimane. Per interventi sul territorio di Ardesio sono stati stanziati 150 mila euro.

«È della giornata di oggi la messa a disposizione da parte dell’Utr (Ufficio territoriale regionale, ndr) di Bergamo delle risorse necessarie ai lavori sul torrente Acqualina – spiega il sindaco di Ardesio, Yvan Caccia -. Ricordo che il torrente non è di competenza comunale né della Comunità montana, ma della stessa Regione in quanto reticolo idrico maggiore».

I 150 mila euro stanziati per il pronto intervento serviranno, spiega ancora Caccia, «a demolire il masso enorme caduto in mezzo al corso dell’Acqualina che ha deviato il grosso delle acque verso i muri di sostegno del campetto dell’oratorio di Valcanale. Proprio qui c’è la maggior parte del lavoro da fare, in quanto i muri sono da ricostruire e vanno rinforzati con scogliere». La scorsa settimana, proprio per la situazione che si è creata, il sindaco ha anche emanato un’ordinanza per vietare l’utilizzo del campetto.

Nel programma dei lavori è inoltre inclusa la pulizia dell’alveo del torrente dalle piante cadute di traverso che potrebbero fare da sbarramento. «Questi primi interventi previsti dall’Utr – prosegue Caccia – fanno il paio con i lavori che sta realizzando la società Miralago, proprietaria della centrale di Albareti, per la migliorare la situazione del corso d’acqua».

Il Comune di Ardesio, notizia di ieri, ha inoltre ricevuto un contributo di 380 mila euro dalla Regione sempre per interventi legati al dissesto idrogeologico. Non si tratta però di problemi dovuto al maltempo dell’altra settimana. «Il contributo è relativo a un primo lotto di lavori per la strada che porta ai Ronchi Alti, lo scorso anno oggetto di un pronto intervento da 100 mila euro per una caduta massi. Questi 380 mila euro aggiuntivi, che arriveranno nel 2021, sono dunque legati a questa situazione».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here