Home Notizie Un ecografo ostetrico/ginecologico donato al reparto di Ostetricia-Ginecologia di Seriate

Un ecografo ostetrico/ginecologico donato al reparto di Ostetricia-Ginecologia di Seriate

Un ecografo ostetrico/ginecologico di ultima generazione donato dalla Fondazione UBI – Banca Popolare di Bergamo Onlus al reparto di Ostetricia-Ginecologia dell’ospedale Bolognini di Seriate.

L’ecografo donato questa mattina dalla Fondazione UBI – Banca Popolare di Bergamo Onlus è destinato ad implementare l’attività diagnostica prenatale con metodologia non invasiva per identificare patologie cromosomiche.

“Fondazione UBI – ha detto ringraziando il dott. Francesco Locati, direttore generale dell’ASST Bergamo Est– per l’ennesima volta è vicina alla nostra Azienda. Questa inaugurazione rappresenta una nuova occasione per rinnovare la nostra gratitudine per aver sostenuto un progetto, che va a potenziare un settore quanto mai importante e delicato quale quello della diagnostica prenatale, da sempre in continua evoluzione. La Fondazione da anni ci affianca e ci supporta, un’alleata attenta alla nostra realtà ospedaliera e territoriale”.

Questo apparecchio di “alta fascia” permetterà di effettuare diagnosi ecografiche morfologiche, di ecocardio fetale e di secondo livello. Una tecnologia all’avanguardia utile ed ormai indispensabile. Il nuovo ecografo, di cui hanno già beneficiato molte future mamme, restituisce infatti immagini ad altissima risoluzione, anche con sistema 3D e la possibilità di elaborazione rapida e accurata di dati e immagini.

Armando Santus, Presidente della Fondazione UBI Banca Popolare di Bergamo: “Contribuire alla cura, all’assistenza e al progresso medico-scientifico è per la Fondazione UBI Banca Popolare di Bergamo motivo di grande soddisfazione oltre che scopo istituzionale. Consegnare oggi questo nuovo ecografo alla ginecologia dell’Ospedale Bolognini è anche, al di là del valore dello strumento diagnostico in se, un gesto di fiducia e uno sguardo rivolto al futuro. In noi bergamaschi è vivo il ricordo di giorni drammatici vissuti dentro e fuori dagli ospedali per combattere il covid-19. Ma è altrettanto forte e vitale il desiderio di tornare progressivamente a pensare alla vita, alla prevenzione e alla cura che l’ospedale deve offrire al di là del contenimento della pandemia. Senza abbassare la guardia e con tanta gratitudine a tutti gli operatori sanitari per quanto fatto e continueranno a fare”.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here