Bergamo con la valigia

Il territorio bergamasco, in particolare le valli e le zone periferiche, sono da sempre terra di emigrazione. Il fenomeno negli ultimi anni è tornato a ripresentarsi con una particolare intensità. Ad andarsene sono soprattutto i giovani in cerca di lavoro, ma il trend riguarda anche persone adulte che cercano di ripartire con una nuova vita oltreconfine.
Dopo anni di attenzione al tema, la redazione di Antenna2 ha deciso di dedicare uno spazio specifico ai conterranei che vivono all’estero o con un’alta mobilità: nasce così “Bergamo con la valigia”.
E a fare i bagagli non sono solo gli orobici. Secondo i dati pubblicati nell’ottobre 2017 (anno della nascita di questa rubrica) dalla Fondazione Migrantes, l’organismo Pastorale della Cei dedicato ai migranti, al primo gennaio 2017 gli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) erano 4.973.942, l’8,2% degli oltre 60,5 milioni di residenti in Italia alla stessa data, un trend che nel 2016 è cresciuto del +3,4%. Dal 2006 al 2017, la mobilità italiana è aumentata del 60,1% passando da poco più di 3 milioni a quasi 5 milioni di iscritti.

Bergamo con la valigia: Roberta a Bonn per studiare le capacità cognitive dei pesci

La 27enne Roberta Calvo si è trasferita in Germania dopo un'esperienza a Londra.

Rientrare a casa per un’emergenza ai tempi della pandemia

Il quadro pandemico com'è noto ha reso più complicata la mobilità internazionale, al momento non interrotta, ma spesso rallentata da voli rarefatti, quarantene e tamponi.
video

Bergamo con la valigia: da Gromo a Francoforte, la storia di Valentina

Dall'Alta Valle Seriana a Francoforte: è il percorso di una ragazza di 27 anni di Gromo che da 2 anni vive e lavora nella città tedesca.

Nuova IMU-TARI per gli emigranti: un’imposta amara e ingiusta

Lo sfogo del presidente dell'Ente dei Bergamaschi nel Mondo Carlo Personeni
video

Giovani bergamaschi in cerca di lavoro a Londra, la Brexit non spegne l’interesse

Bergamaschi all’estero.“La Brexit non incide: i giovani restano interessati a trasferirsi a Londra. E’ invece la situazione Covid-19 a complicare le cose”.

Ultimi articoli