Home Notizie Piario, dati catastali sotto controllo

Piario, dati catastali sotto controllo

Municipio Piario
Il municipio di Piario

Sta diventando una realtà concreta, l’Unione dei Comuni «Asta del Serio». Con l’inizio del 2016 i Comuni di Ardesio, Piario e Villa d’Ogna avranno completato il trasferimento di personale e funzioni al nuovo ente. Le amministrazioni stanno dunque lavorando perché tutto sia pronto. A Piario una ditta esterna è stata incaricata per verificare e allineare le schede catastali ai data base del Comune per quanto riguarda Ici, Imu, Tasi e Tari, risalendo fino al 2011.

«Questa operazione è nata dall’esigenza di arrivare in Unione con i numeri e i dati a posto – afferma il sindaco Pietro Visini –. Il riallineamento di tutti i dati catastali serve per poter gestire direttamente con il personale dell’Unione i tributi e far sì che i dati siano corretti. Si tratta di un’operazione che a Piario non si faceva più da dieci anni». Il primo cittadino spiega anche la scelta di affidarsi a una ditta esterna: «Siamo rimasti solo con due dipendenti in Comune e non eravamo in condizione di portare avanti un tipo di lavoro come questo. Inoltre, queste società hanno accesso al catasto e all’archivio notarile e, incrociando i dati, succede che emergano alcune difformità».

Certo, in paese qualcuno non l’ha presa bene. Soprattutto chi si è trovato a dover pagare. «Ma non è vero, come è stato interpretato da alcune persone, che stiamo facendo cassa – osserva il sindaco –. Se qualcuno ha dimenticato di pagare, paga. Ma il Comune non aveva questo obiettivo. Ad esempio, è successo anche di trovare chi pagava di più». Concretamente, il lavoro consiste nel verificare «la posizione catastale rispetto a Imu, Tasi, Tari e tutto il resto – prosegue Visini –. Di ogni abitazione che esiste a Piario si va a vedere che i dati corrispondano alla situazione attuale, vuoi perché sono cambiati i proprietari oppure sono aumentate o diminuite le superfici. Questi dati verranno poi affidati all’Unione e in seguito verranno aggiornati di anno in anno».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here