Home Notizie Vertova, un Natale speciale alla Fondazione «Cardinal Gusmini»

Vertova, un Natale speciale alla Fondazione «Cardinal Gusmini»

L'albero di Natale nella sala polivalente

Natale è tempo di doni e la Fondazione «Cardinal Gusmini» di Vertova si regala un dicembre pieno di appuntamenti e occasioni per stare insieme. «Vogliamo in questo modo ringraziare e fare gli auguri a tutte quelle persone che durante l’anno hanno reso speciali tanti momenti – sottolinea Manuela Loglio, del servizio animazione –. Proporremo eventi rivolti ai nostri ospiti, parenti e operatori, ma anche a tutti quei gruppi e associazioni che collaborano con la fondazione».

Il mese si è aperto con l’inaugurazione della mostra fotografica «…e di nuovo sorridi…», dedicata agli ospiti del nucleo Alzheimer. E a un’altra persona ospite in fondazione è dedicato l’evento in programma venerdì (11 dicembre) alle 20,30 nella sala polivalente. «Avremo l’occasione di ripercorrere la vita di Raffaella, che avrà “Il coraggio di…” (questo il titolo dello spettacolo) raccontare quello che ha vissuto fin da piccola e che sta vivendo ora – spiega ancora Manuela Loglio –. A fare da cornice a questo racconto e per rendere speciali alcuni attimi ci saranno poi gli ospiti del Coro Arcobaleno. Siamo orgogliosi di quello che stiamo facendo e soprattutto del coraggio che sta avendo Raffaella nell’affrontare questo suo percorso un po’ particolare e della voglia di raccontare agli altri la sua esperienza».

L'ingresso della Fondazione
L’ingresso della Fondazione

Altra serata speciale è quella del giorno dopo, sabato 12 dicembre, sempre alle 20,30 in Sala polivalente. «Renderemo omaggio al cardinale Giorgio Gusmini, a cui è intitolata la nostra fondazione». Ricorrono infatti i 160 anni dalla nascita e i 100 anni dall’elevazione a cardinale (nel concistoro del 6 dicembre 1915, da parte di papa Benedetto XV. «Durante la serata sarà presente don Giovanni Gusmini, pronipote del cardinale, e come ospite d’eccezione il reporter Giorgio Fornoni, che presenterà il video inedito “La montagna per me”», prosegue Manuela Loglio.

Ma non è finita qui. In calendario ci sono diverse altre iniziative, che si propongono di creare sintonia con lo spirito del Natale. «Abbiamo situazioni che rendono difficile ad alcuni ospiti raggiungere un ristorante o un luogo all’esterno della fondazione. Anche quest’anno, allora, abbiamo deciso di “far entrare” un ristorante nella nostra struttura per dar la possibilità di godere un pranzo di Natale ai nostri ospiti, soprattutto a chi ha evidenti difficoltà. La stessa cosa faremo per i volontari, ai quali vogliamo dire il nostro grazie per l’impegno che mettono durante l’anno, e per i dipendenti». In programma ci sono anche gli spettacoli di bimbi e ragazzi delle scuole, un concerto della banda di Colzate e il pomeriggio di auguri del 31 dicembre. «Avremo poi altri piccoli momenti con cui gustare la voglia di stare insieme e regalarci attimi speciali – conclude Manuela Loglio –. Credo sia questo il messaggio più bello del Natale».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here