Home Notizie Libri “al fresco” e per tutti a Villa d’Ogna

Libri “al fresco” e per tutti a Villa d’Ogna

I libri nel frigorifero, come gli alimenti. A Villa d’Ogna questa mattina oltre all’inaugurazione dei locali della biblioteca, dopo l’intervento di riqualificazione, è stato effettuato un secondo taglio del nastro.

Accanto all’edificio è stato presentato l’Albero dei libri, un punto accessibile a tutti per il “book sharing”. Dove un tempo si conservavano uova, latte, surgelati e altri cibi, oggi è possibile allungare una mano per iniziare una lettura.

La sala civica presso la biblioteca

«La sistemazione della nostra biblioteca ha usufruito di un contributo del Bim – spiega la prima cittadina Angela Bellini -. L’Albero dei libri si è aggiunto a questo evento grazie alla possibilità di incontrare il sindaco di Cenate Sopra Carlo Foglia e il suo assessore Giovanni Cattaneo, progettista dell’Albero dei Libri. Grazie alla loro disponibilità e concessione abbiamo potuto realizzarlo anche noi. L’Albero dei libri è stato fattivamente realizzato da Sergio e Armando Tasca. Ringrazio inoltre il Vdo Art Group di Villa d’Ogna, tre artisti che hanno interpretato questo tema».

L’Albero dei libri a Villa d’Ogna
Enzo Valenti di L’Eco di Bergamo, il consigliere regionale Jacopo Scandella, il sindaco di Piario Pietro Visini e l’assessore di Villa d’Ogna Vera Pedrana.

 

3 COMMENTI

  1. Spero che il gas Freon(tossico)presente nei frigoriferi come quello usato nella foto(scusate ma mai accostamento fu più infelice un Frigorifero trasformato in Albero)sia stato smaltito correttamente,come tutte le altre parti del Frigorifero in questione,alcune pericolose.

    • Non so chi sei, ma ti spiego la storia del frigorifero, se hai due minuti di tempo. Sono Tasca Sergio, sì quello che ha costruito l’albero, e nel paese dove abito, Cenate Sopra, siamo molto attenti alla raccolta differenziata (abbiamo raggiunto l’82% nel 2016, come da dati pubblicati sul sita di VAL CAVALLINA SERVIZI). Per raggiungere questo traguardo, oltre all’impegno dei cittadini, l’ amministrazione si è prodigata, oltre che con accordi con la società di raccolta, anche con azioni di recupero di oggetti scartati, ristrutturandoli nel modo più sicuro possibile recuperando tutto il materiale “nocivo” nei metodi consentiti di legge, per dare un segnale che si può recuperare e dare nuova vita ad oggetti che vengono scartati. Il sindaco dott. Carlo Foglia nel voler realizzare una “casetta dei libri” (come si vedono in altri comuni) ci ha proposto l’ idea di un posto per scambiare libri senza passare dalla biblioteca, in modo libero, e ha avuto l’idea di recuperare un oggetto di scarto (per dare un segnale c.s.) e realizzare un qualcosa di diverso da una semplice “casetta” già in uso da altri paesi. Per quanto riguarda il frigorifero di Villa d’Ogna , Ti posso garantire che il gas e tutto il materiale scartato è stato smaltito come da norme in vigore.

      • Bene,sapere che tutti componenti dannosi del frigorifero sono stati trattati correttamente mi da solievo.
        Per quanto riguarda la tua opera il Frigo Albero,non offenderti ma non mi é molto piaciuto,avrei preferito le solite casette utilizzate,in legno riciclato,ma questo é un fatto soggettivo va a gusti.
        Grazie per la risposta Sergio e buon lavoro.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here