Home Notizie Tutti i sentieri portano al Curò

Tutti i sentieri portano al Curò

L'Ostello al Curò

“Sentieri creativi” e “Sentieri della musica” all’Ostello al Curò, a quota 1.910 metri, il più alto d’Europa.

Domani (Domenica 8 luglio), alle 14,30, un doppio appuntamento. Da una parte sarà la giornata conclusiva del concorso per artisti del paesaggio promosso dall’Assessorato alle Politiche giovanili di Bergamo, dall’Accademia Carrara e dal Cai. All’evento saranno presenti i sindaci “Ambasciatori del territorio” che, nello stesso giorno, concluderanno il loro trekking sul “Sentiero delle Orobie” accompagnati dal presidente del Cai di Bergamo Paolo Valoti.

Ma vivrà una nuova tappa anche “I sentieri della musica”, la rassegna itinerante in quota che fino al 23 settembre toccherà tutti i rifugi sul territorio di Valbondione. Sul palcoscenico naturale con doppia vista panoramica – da un lato sulla valle e dall’altro sulla Diga del Barbellino – si esibirà il poliedrico cantante di origini camune Boris Savoldelli, in una performance in solo di voce ed elettronica.

Boris Savoldelli

Affascinato da sempre dallo “strumento voce” e dalle sue straordinarie possibilità, Boris Savoldelli è continuamente alla ricerca di nuove forme espressive vocali. Partendo da un background di studi classici, grazie all’amicizia col suo mentore Mark Murphy, ha potuto acquisire una formazione jazz, senza dimenticare le sue origini rock. Musicista internazionale, con centinaia di concerti in Usa, Europa, Brasile, Russia, Cina, Indonesia e Corea del Sud, dall’anno scorso collabora come docente di Canto Jazz con il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia.

Nel corso della sua performance in solo, Savoldelli interpreterà i brani dei suoi fortunati cd “Insanology” e “Biocosmopolitan”, alcuni personali riarrangiamenti per sola voce dei grandi classici del songbook rock e jazz e ardite sperimentazioni vocali. Tutto questo utilizzando solamente la propria voce, una looper machine e alcuni processori di segnale, senza strumenti aggiuntivi e senza basi preregistrate. Gli spettatori vengono coinvolti in un originale show che permette di “veder nascere” ogni singola canzone e di ascoltare la “voice-orchestra” generata dalle corde vocali del cantante.

Il tempo di percorrenza stimato per raggiungere il luogo del concerto dal paese di Valbondione – lungo il sentiero Cai 305 – è di circa due ore e mezza. Si consigliano abbigliamento da montagna e scarpe da trekking.

Guarda l’intervista a Boris Savoldelli:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here