Home Notizie Abbandono rifiuti e deiezioni canine, giro di vite a Clusone

Abbandono rifiuti e deiezioni canine, giro di vite a Clusone

Dal primo agosto a Clusone il comando di polizia locale è retto dal Commissario Capo Giuliano Vitali. Il nuovo comandante è al lavoro su diversi temi, tra cui il potenziamento del sistema di videosorveglianza.

«Prevediamo di implementare – spiega Vitali – la rete delle nostre telecamere». Attualmente sono 15. «Se ci sarà concesso – continua – un importante contributo di Regione Lombardia, accenderemo nuovi occhi elettronici in prossimità del centro storico, vicino ai plessi scolastici e a monitoraggio delle arterie e varchi stradali della nostra cittadina. Parliamo di un sistema attivo h24 e capace di individuare vetture rubate, sospette o per qualche motivo non in regola con il codice della strada. Durante il mese di agosto il sistema è già stato aggiornato in vista di una futura implementazione».

Non solo occhi elettronici vigili sulla cittadina: sul territorio è stata intensificata l’attività di controllo da parte degli agenti. «Compatibilmente alla natura delle richieste e alle risorse umane a nostra disposizione – illustra il Commissario Capo – copriamo un orario compreso tra le 7.30 e le 18.30/19. Sono stati inoltre attivati servizi serali per dare riscontro a esigenze particolari su strade comunali e nel caso di situazioni di disturbo della quiete pubblica derivanti da schiamazzi o locali».

Nei giorni scorsi sono state siglate alcune ordinanze legate alla conduzione dei cani e all’abbandono dei rifiuti.

«Non perché il cane sia mal visto – motiva Vitali -, ma perché si vuole trovare la giusta convivenza tra questi animali e la comunità. Senza sintonia possono nascere problemi di intolleranza». L’ordinanza ribadisce il concetto che tutti i cani devono essere dotati di microchip, in caso contrario è prevista una sanzione di 50 euro. Medesima sanzione anche per chi non tiene il cane al guinzaglio (negli spazi pubblici e sulla ciclabile deve essere lungo 1,5 m). Rimarcato l’obbligo di raccogliere gli escrementi, in caso contrario la sanzione è di 150 euro. I conduttori devono inoltre sempre avere al seguito la museruola e farla indossare al cane nel caso in cui vi siano rischi per l’incolumità delle persone».  

Giro di vite anche per l’abbandono dei rifiuti. Per chi dovesse conferire in modo scorretto (fuori da orari, giorni e luoghi previsti) la sanzione è di 100 euro. Per l’abbandono in aree verdi (ad esempio in pineta) è di 500 euro.

11 COMMENTI

  1. Si si voglio proprio vederlo il giorno che i vigili gireranno per Clusone con il lettore elettronico per microchip animali-cani controllando gli stessi.
    Chiamatemi!

  2. Allibita… Il problema è un cane che non ha il microchip??
    Penso che ci siano problemi molto più reali di quelli che può creare un animale…
    Iniziare inanzitutto a controllare chi ci sta intorno…

  3. Mi sembra giusto raccogliere gli escrementi dei nostri cani…. Ma quelli di cavalli pecore e mucche chi li raccoglie?????? Date le multe anche a loro????

  4. I problemi non sono i stupefacienti che girano tra i giovani e nelle scuole.
    Non è la sicurezza nelle ore soprattutto notturne della PERIFERIA.
    Non sono i furti nelle auto parcheggiate di chi lascia l’auto per farsi un giro a piedi in pineta.

    SONO I CANI E LE LORO DEIEZIONI.

    IL PROGRESSO È ALLE PORTE.

    • Fermare i ladri che frugano nelle nostre autovetture è troppo rischioso si rischia di prendere le botte, meglio occuparsi di merda di cane…..magari usando i guanti, tanto paghiamo noi!!!

  5. Se i nostri amici animali sporcano la strada è giusto raccogliere Ma cosa mi dite Quando si incontrano feci di cavalli, pecore, mucche? Sono molto più ingombranti rispetto a quelle dei nostri amici e nessuno li pulisce
    Come mai???

    • Siamo bergamask tutto ciò che produce reddito/guadagno é giustificato e sempre assecondato anche se reca disturbo agli altri.
      I cani invece producono”solo”affetto ed amore,e questo per alcuni bergamask é ancora qualcosa di difficile da capire.
      Io sono uno che ama il suo amico cane,e pertanto raccolgo sempre le sue fatte,come dovrebbero far tutti i conduttori di cani amanti dei loro cani.

  6. Le feci dei cavalli sulla ciclabile andrebbero rimosse dagli stessi che la percorrono, anzi, i cavalli sulla ciclabile non ci dovrebbero proprio stare e neppure le mucche. Sulla transumanza, se non recano troppo disagio al traffico e alle persone, i passaggi delle mucche e del bestiame in genere, per due volte l’anno si possono anche tollerare, consapevole che ci sono anche mezzi di trasporto idonei per spostarli. Per i cani invece, visto che seguono passo passo l’uomo, l’attenzione deve essere molto più alta. Spesso le restrizioni di questo tipo si rendono necerrarie per l’inciviltà di molti proprietari di cani che concedono tutto al proprio animale, con assoluta mancanza di rispetto per gli altri. E quest’estate ne ho visti e richiamati diversi di trasgressori di divieti sui propri animali, anche se non specificatamente a Clusone.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here