Home Notizie Parco delle Orobie Bergamasche verso il rinnovo

Parco delle Orobie Bergamasche verso il rinnovo

Il 31 ottobre si riunirà l’assemblea con la quale verrà eletto il nuovo presidente del Parco delle Orobie Bergamasche.

Per l’attuale, Yvan Caccia, è tempo di bilanci. «In termini economici abbiamo investito, in questi otto anni, circa 5 milioni di euro – spiega Caccia -, risorse con cui spesso abbiamo aiutato i Comuni, da una parte con integrazioni di finanziamento dei loro progetti e dall’altra realizzando progetti direttamente come Parco. Possiamo tracciare un bilancio positivo anche sul fronte istituzionale: in quanto il Parco non è più un’identità indefinita, ma ha assunto una fisionomia propria. Ha aperto i centri parco e ha spostato la sede da Bergamo ad Albino. Inoltre ha avviato un rapporto diretto con professionisti e cittadini grazie alla Commissione del Paesaggio, sempre più interlocutore diretto delle persone per le pratiche urbanistiche».

Yvan Caccia

«Inoltre è stato un mandato ricco di iniziative – continua Caccia – che al di là della questione economica ha dato supporto a tanti amministrazioni locali indipendentemente dal credo politico dei singoli. Ha cercato di raccogliere le istanze del territorio e di premiare con contributi interventi a sostegno, almeno una volta, di tutti i comuni che fanno parte del Parco delle Orobie Bergamasche».

Yvan Caccia presenterà la sua candidatura per un secondo mandato. «L’auspicio che posso fare – concludo -: è che il consiglio di gestione, formato dai tre presidenti delle Comunità Montana e dal presidente della Provincia di Bergamo, possa scegliere un presidente espressione del territorio e non un rappresentante scelto dalla politica per fini politici».

Un approfondimento andrà in onda venerdì sera (25 ottobre) all’interno di Target alle ore 19.00, una breve intervista questa sera (mercoledì 23 ottobre) all’interno del telegiornale di Antenna2 (ore 19.20).

5 COMMENTI

  1. Volevo solo dire al signor Caccia, al di là del giudizio sulla sua gestione del Parco che non mi permetto di giudicare, che se lui non fosse stato un rappresentato scelto dalla politica non sarebbe mai stato eletto come Presidente del Parco delle Orobie Bergamasche

  2. Non ho mai capito il perchè dove esistono una o più Comunità Montane, ci debba essere anche un ente Parco. Un sovrapporsi di competenze simili e praticamente uguali. Sarà mica sempre per il fatto che una seggiola per uno non fa male a nessuno?!

  3. “un presidente espressione del territorio e non un rappresentante scelto dalla politica per fini politici” perché lui è stato scelto per cosa???? è espressione del territorio o della Lega Nord?

    • Errata corrige: la Lega Nord non esiste più. Ora é Lega per Salvini Premier. Comunque si la risposta giusta malgrado l’errore é la tua seconda opzione.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here