Home Notizie Rifiuti abbandonati ad Ardesio, pizzicato il responsabile

Rifiuti abbandonati ad Ardesio, pizzicato il responsabile

Cellophane, bidoncini e contenitori di plastica, sottovasi, scatole di cartone, per tacer del resto. Tutto abbandonato a bordo strada, nella zona della Cunella, ad Ardesio. La buona notizia, però, è che il responsabile è stato individuato e sanzionato.

«Uno degli effetti della presa in servizio del nuovo agente di Polizia locale è il maggior controllo del territorio – spiega il sindaco di Ardesio, Yvan Caccia -. Ne è derivata anche un’osservazione dei punti più sensibili in tema di abbandono dei rifiuti. Abbiamo piazzato pure qualche fotocamera nei giorni scorsi, oltre al potenziamento del sistema di videosorveglianza attuato in questi anni. Tutto questo ha permesso di trovare uno dei furbetti del rifiuto facile».

C’è da interrogarsi, lo sottolinea lo stesso sindaco, su quanto queste persone possano effettivamente essere definite furbe. «Le piazzole dei comuni, gestite in maniera consorziata o singola, ormai raccolgono rifiuti di ogni tipo, tra l’altro gratuitamente – sottolinea Caccia -. Mi domando quindi che necessità ci sia di abbandonare rifiuti a bordo strada. Comunque il responsabile è stato rintracciato e gli è stata comminata una sanzione».

Il primo cittadino aggiunge che «si tratta di un primo passo verso un maggior controllo del territorio. Ci aspettiamo altri risultati positivi visto l’insieme dei mezzi che abbiamo dispiegato. C’è da dire che per quanto riguarda le deiezioni canine, dopo l’emissione di un’ordinanza ad ottobre e i controlli della Polizia locale, abbiamo riscontrato un maggior rispetto delle norme e delle persone».

3 COMMENTI

  1. Nome cognome pubblicati su bacheche comunali e possibilmente su qualche quotidiano online e cartaceo. Unico sistema insieme a verbale di accertamento (non irrisorio si spera!) per punire come si deve certi personaggi.

  2. La sanzione di 600 euro prevista in questi casi è troppo bassa. Queste persone incivili per gesti come questo, che non hanno senso, dovrebbero fare 6 mesi di lavoro socialmente utile a smistare rifiuti.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here