Home Notizie Il libro che racconta le storie di Groppino, dal sanatorio all’ospedale

Il libro che racconta le storie di Groppino, dal sanatorio all’ospedale

Un racconto di luoghi e di persone, lungo un arco temporale di quasi 130 anni: dal “fontanino dei malati” all’attuale ospedale “Locatelli” di Piario. È “Frammenti tra i pini. Le storie di Groppino”, il libro curato da Norma Pezzoli che verrà presentato domani, martedì 10 dicembre. 

Si tratta di una ricerca tra storia e documenti sul sanatorio poi ospedale di Groppino con la collaborazione dell’Associazione Apiarium. «La mia prima conoscenza del Sanatorio di Groppino avvenne nel 1977 in occasione del mio primo giorno di lavoro come infermiera professionale – scrive Norma Pezzoli nelle prime pagine del libro -. Impossibile dimenticare la meraviglia, la curiosità e il senso di smarrimento che l’impatto con quel mondo a me sconosciuto mi avevano suscitato e accompagnato fino ad oggi. Sensazioni che mi hanno permesso di continuare a raccogliere i frammenti di una storia racchiusa in un fazzoletto di terra, tra le radici dei suoi pini».

Negli anni questi frammenti sono stati raccolti e catalogati «fino ad arrivare alla decisione di raggrupparli e consegnarli all’Associazione Apiarium per impedire che si disperdessero», prosegue Norma Pezzoli. Il libro, però, non porta in copertina il suo nome, bensì quello di Kiff Tebby, «termine che in arabo vuol significare come vuoi, e anche il titolo di un film muto in voga negli anni ‘30».

È la stessa Norma Pezzoli a spiegare il perché di questa scelta. Kiff Tebby è «lo pseudonimo utilizzato da Luigina Ghilardi, paziente del Sanatorio nel 1930, che ne ha seguito le vicende fino al 1960, sia contribuendo con i suoi articoli a mantenere vivo e interessante il Giornale di Groppino, sia conservando le fotografie del periodo del suo ricovero (fotografie che lei stessa mi ha regalato) attraverso le quali ho potuto documentare alcuni fatti». Ma il nome vuole anche «racchiudere quello di tutti coloro che in vari anni hanno documentato o sono stati protagonisti della storia».

Il libro, di quasi 200 pagine, è suddiviso in quattro capitoli dedicati alle Terme di Val Seriana, alla Villa Vescovile, al Sanatorio e all’ospedale “Locatelli”. C’è poi un inserto, “Vita da pazienti”, con testimonianze e fotografie e un apparato dedicato a cinque personaggi legati a Groppino: don Simone Bottani, Antonio Locatelli, Giacomo Piccinini, Giacomo Maria Radini Tedeschi e Papa Giovanni XXIII. Tante, infine, le immagini che arricchiscono il volume.

“Frammenti tra i pini. Le storie di Groppino”, domani, sarà presentato in due momenti. Il primo, alle 12,30 nella sala multimediale dell’ospedale, riservato a personale e dirigenti dell’Azienda socio sanitaria territoriale Bergamo Est. Il secondo, alle 20,30 nella sala consiliare del municipio di Piario, aperto a tutti. Oltre a Norma Pezzoli, interverranno il direttore generale dell’Asst Francesco Locati, il sindaco di Piario Pietro Visini e il presidente dell’associazione Apiarium Giuliano Todeschini.

3 COMMENTI

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here