Home Notizie Val di Scalve, inaugurato l’Ufficio per il turismo

Val di Scalve, inaugurato l’Ufficio per il turismo

Alla presenza dell’assessore al Turismo di Regione Lombardia Lara Magoni, questa mattina in Val di Scalve, a Vilminore, è stato inaugurato il nuovo Ufficio per il turismo e l’infopoint del Parco delle Orobie Bergamasche.

Il servizio, che vuole essere a supporto delle pro loco e degli operatori del territorio, è stato affidato attraverso un bando a Promoserio, ed è stato avviato attraverso un’iniziativa che vede coinvolte la Comunità Montana di Scalve e il Parco delle Orobie Bergamasche.

Nella foto, da sinistra: il presidente di Promoserio Maurizio Forchini, l’ assessore al Turismo della Comunità Montana di Scalve Anselmo Agoni, il presidente del Parco delle Orobie Yvan Caccia, il primo cittadino di Vilminore e presidente della Comunità Montana di Scalve Pietro Orrù, l’assessore al Turismo di Regione Lombardia Lara Magoni, la prima cittadina di Azzone Mirella Cotti Cometti e il sindaco di Schilpario Marco Pizio.

Oltre a essere punto informativo, il nuovo ufficio ha il difficile ma fondamentale obbiettivo di porsi come strumento principale per elaborare strategie di valorizzazione turistiche unitarie e proporre un’offerta unica sul territorio della Val di Scalve che è fortemente connotato da tradizioni antiche, prodotti gastronomici d’eccellenza e un patrimonio naturalistico fra i più incontaminati della Bergamasca.

Il lavoro di squadra avrà come ricadute ulteriori sinergie

«Oggi ho voluto essere qui a Vilminore – ha detto l’assessore al Turismo di Regione Lombardia Lara Magoni – per l’apertura dell’Ufficio per il turismo della Val di Scalve. Un’idea molto importante, voluta dalla Comunità Montana, per cui ringrazio il presidente Pietro Orrù, ma un grazie va anche al Parco delle Orobie Bergamasche rappresentato dal presidente Yvan Caccia. Questo ufficio è una grande opportunità di promozione del territorio, un’area molto importante per la provincia di Bergamo e non solo. Parliamo di una comunità bellissima dove possono essere praticate discipline come lo sci nordico, lo sci alpino e con diverse occasioni legate all’outdoor e luoghi, come la diga del Gleno, molto frequentati. Un territorio che meritava questo luogo in cui si possono raccogliere informazioni su cosa si può fare nella Valle».

Materiale divulgativo InLombardia

«Siamo all’interno del Palazzo della Comunità Montana – afferma il presidente Pietro Orrù -, sotto i portici di quello che è l’edificio più caratteristico della Valle di Scalve. Questa location si affaccia su Piazza Giustizia, un luogo molto frequentato nel periodo estivo e siamo all’interno del Palazzo in cui ha sede la Comunità Montana permettendo così un collegamento diretto con gli uffici posti ai piani superiori».

Materiale divulgativo del Parco delle Orobie Bergamasche

«Quello che inauguriamo oggi in Val di Scalve – spiega il presidente del Parco delle Orobie Bergamasche Yvan Caccia – è il primo Infopoint Centro Parco con personale, all’interno del quale non vi è solo una collocazione di tipo divulgativo e territoriale, ma vi è anche una divulgazione e informazione di tipo naturalistico e ambientale che sono le specificità che servono al Parco delle Orobie Bergamasche».

Val di Scalve turismo

«Si tratta di un ufficio che si trova in una rete che già ne comprende altri coordinati da Promoserio – afferma il presidente di Promoserio Maurizio Forchini -. Lo scopo di questi uffici turistici è quello di essere a servizio di un territorio, promuovere le opportunità, valorizzare ciò che le singole realtà territoriali realizzano, non quello di essere in concorrenza con quello che fanno le Pro Loco, ma esserne proprio effettivamente un’occasione di valorizzazione di promozione all’estero, il tutto inseriti in una rete che è in primis quella di Promoserio, ma è anche quella della rete provinciale di VisitBergamo e regionale promossa da Regione Lombardia».

Ufficio per il turismo in Val di Scalve
Ufficio per il turismo in Val di Scalve

2 COMMENTI

  1. Ho letto qui da qualche parte che poi i turisti li ce li portano col teletrasporto (si intende il processo di trasporto istantaneo della materia/turista attraverso lo spazio da un luogo all’altro) perfetto.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here