Home Notizie Un respiratore per l’Ospedale di Piario, raccolta fondi al via

Un respiratore per l’Ospedale di Piario, raccolta fondi al via

L'ospedale di Piario

Promoserio lancia una campagna di raccolta fondi per aiutare l’Ospedale di Piario con l’acquisto di un respiratore da terapia intensiva.

L’agenzia di sviluppo di Val Seriana e Val di Scalve, coinvolgendo i propri soci, «intende così mettere in atto un piccolo gesto che può però contribuire ad alleggerire il lavoro di medici, infermieri e tutto il personale sanitario che in queste settimane ha aiutato senza sosta la popolazione e continuerà a fronteggiare l’emergenza nei prossimi giorni – spiega il presidente di Promoserio, Maurizio Forchini -. Creare una rete di supporto e condivisione tra tutti gli operatori e le persone che vivono questo territorio è la mission principale di Promoserio e oggi più che mai vogliamo contribuire a una causa estremamente importante».

«Il territorio bergamasco e la ValSeriana in particolar modo sono drammaticamente colpiti dall’emergenza del coronavirus – continua Forchini -. Negli ospedali la situazione è di estrema difficoltà: mancano respiratori, dispositivi di protezione, mancano posti letto. Bergamo e Alzano, veri baluardi sanitari nel fronteggiare l’emergenza, sono già stati oggetto di straordinaria generosità e solidarietà, ma gli ospedali periferici stanno affrontando la stessa emergenza con le stesse difficoltà. Promoserio, anche così, vuole perseguire la propria mission».

Per fare una donazione è possibile procedere con un bonifico intestato a Promoserio:
BANCO BPM SPA – FILIALE DI CLUSONE

IBAN: IT50J0503452910000000010139
CAUSALE: “DONAZIONE – EMERGENZA CORONAVIRUS PIARIO” seguito da nome cognome del donatore.

La distinta di bonifico è valida ai fini della detrazione fiscale. Per ulteriori necessità scrivere a amministrazione@valseriana.eu

5 COMMENTI

  1. L ospedale di Piario è stato massacrato dai nostri cari Gallera, Fontana e amici vari. Tagli alla sanità, chiudere reparti togliere medici ed ora chiedono soldi alla gente che ha tanto dolore per i morti e paura di averne degli altri…un respiratore ci doveva essere anche prima del maledetto virus. Qui si muore…spero che chi ne ha la possibilità faccia donazioni e tante, vediamo di salvare più vite possibili…QUI SI MUORE scusate lo sfogo ma il dolore è tanto.

    • Ti capisco perfettamente. Qui si muore……pur rimanendo in casa così come siamo costantemente pregati di fare. Rimanere a casa è l’unica possibilità di fermare il virus. Proprio per questo mi vengono in mente tante cose.
      1) Ma allora perché a nessuno (dei politici o definiti tali) viene ancora in mente che i maggiori centri di aggregazione sono i luoghi di lavoro dove oggi siamo COSTRETTI a stare?
      2) Perché 15gg fa volutamente non si è istituita la “zona rossa” in Valseriana – zona universalmente conosciuta per la propria operosità e dedizione al lavoro? Forse che con la zona rossa non era interessante sapere se si sarebbe fermato il virus, ma l’importante era non fermare l’economia?

      Andatelo a dire ai nostri padri e nonni, magari sopravvissuti a 2 guerre mondiali o ai lagher nazisti, che ora sono COSTRETTI a morire come mosche senza neppure un parente vicino, senza un funerale, senza un posto al cimitero, proprio perché i nostri COSIDETTI POLITICI non hanno pensato per tempo a mascherine/guanti/posti ospedalieri/bombole ossigeno/personale medico ….!!!!!!
      Cialtroni, altro che politici !!!!!!!!!!!!! la Valseriana si rialzerà, con le proprie gambe, come sempre, MA MI AUGURO CHE NESSUNO DIMENTICHI COME SIAMO STATI TRATTATI: MENO IMPORTANTI DEL FATTURATO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Vergogna !!!!!!!!!!!!!

  2. Non voglio alimentare polemiche, ricordiamoci solo gli sciagurati provvedimenti del “reddito di cittadinanza” e di “quota 100” !
    Era davvero questo che serviva !
    Ricordiamocelo e ricordiamolo a coloro che eleggeremo (prima o poi).
    Non facciamoci attrarre da qualche euro in più in tasca e pretendiamo che si tagli davvero quanto è improduttivo e inutilmente burocratico (ce n’è davvero una montagna !!)
    Per evitare fraintendimenti NON sono affatto soddisfatto di questa maggioranza e avrei preferito di gran lunga il voto ….. !
    Buona salute a tutti

  3. Non è il momento di polemiche (giuste o non) bisogna solo dare una mano a questa provincia direi unica per il grande cuore..

    • La gente ha cuore sono allo stremo per aiutare.chi ci governa dovrebbe nascondersi…a loro certamente nn mancheranno ne bombole ne posti in rianimazione…VERGOGNAAAA VERGONA spero che la loro coscienza nn lasci tregua. Che Dio ci aiuti.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here