Home Notizie Gazzaniga, la sala civica diventa deposito per chi ha bisogno

Gazzaniga, la sala civica diventa deposito per chi ha bisogno

Si sta facendo sempre più pesante l’emergenza sociale legata al blocco per il Covid19. Tante le persone in difficoltà economica, costrette a chiedere aiuto perché non possono lavorare. E comincia a far fatica anche chi mai prima d’ora s’era rivolto ai Servizi sociali.

I Comuni stanno cercando di rispondere non solo con i bonus spesa messi in campo grazie all’aiuto del Governo. A Gazzaniga, ad esempio, la sala civica polifunzionale “Donatori di sangue” è stata trasformata in dispensa alimentare. Collocata sotto la biblioteca e messa a nuovo solo quattro anni fa, dopo aver ospitato incontri e diverse iniziative, ora permette di raccogliere beni di prima necessità da destinare a persone bisognose. Non solo del paese.

«Abbiamo deciso di coinvolgere l’intera Utes (Unità territoriale per l’emergenza sociale, ndr) della media e bassa Valle Seriana: 18 comuni, per un totale di circa 100 mila abitanti», sottolinea Angelo Merici che, oltre ad essere vicesindaco di Gazzaniga, è anche presidente dell’Ambito 8 dei Servizi sociali. 

La raccolta di generi alimentari era già iniziata nelle scorse settimane, grazie anche all’aiuto di commercianti del paese, a cui il Comune si era rivolto. «Avevamo chiesto loro se erano disponibili a donare alimenti e subito ci hanno dato una mano», aggiunge Merici. In questi giorni, è arrivato anche l’aiuto degli alpini.

A Comun nuovo, infatti, la sezione Ana di Bergamo ha stoccato beni di prima necessità, anche in questo caso da donare a persone bisognose. Grazie alla generosità di tante persone è stato possibile mettere a disposizione interi bancali di pasta, riso, biscotti e altri generi alimentari. «La sezione di Bergamo – spiega Davide Cattaneo, coordinatore della Zona 14 (media Val Seriana) dell’Ana provinciale – ha in primo luogo preparato dei pacchi famiglia che sono stati distribuiti ai singoli gruppi alpini, i quali hanno poi provveduto a farli arrivare a chi ne aveva bisogno, perlopiù tramite i Comuni. Ieri (sabato 25 aprile), invece, abbiamo coinvolto l’Utes della media e bassa Valle Seriana a cui abbiamo donato 40 quintali di beni alimentari».

I prodotti sono stati portati, grazie all’aiuto di alcuni alpini, alla sala civica di Gazzaniga e poi distribuiti ai diversi comuni dell’ambito in base al numero di abitanti. «Saranno le singole amministrazioni che decideranno come e a chi destinarli, – aggiunge Angelo Merici -. Per quanto riguarda Gazzaniga, abbiamo raggiunto quelle persone che non erano rientrate nella graduatoria dei bonus spesa». Purtroppo, i numeri fanno emergere una realtà preoccupante. «I bonus spesa hanno coinvolto oltre 100 famiglie. Ci sono situazioni di grave difficoltà: in questo momento ad avere più bisogno sono soprattutto le persone sole rimaste senza reddito. Ma ci sono anche interi nuclei familiari che fanno fatica». 

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here