Home Notizie Ghiaccio e neve nella Val Las resistono al 2020?

Ghiaccio e neve nella Val Las resistono al 2020?

Ogni anno Pierino Bigoni, del Gruppo Micologico Bresadola di Villa d’Ogna, durante l’estate verifica lo stato del nevaio della Val Las.

Posizionato a circa 1100 metri sul livello del mare il deposito di ghiaccio e neve della Val Las è il nevaio semiperenne alla quota più bassa in Italia. Raccoglie i depositi valanghivi della parete nord del Monte Secco, quindi la sua resistenza non è condizionata solo dalle temperature estive, ma anche dall’abbondanza delle nevicate durante l’inverno.

Val Las 9 agosto 2019 foto Pierino Bigoni
Val Las 29 agosto 2018 foto Pierino Bigoni
Val Las estate 2017
Val Las 8 9 2016 foto Pierino Bigoni

Quest’anno, Pierino Bigoni è salito a verificare di persona nella giornata di ieri, 3 settembre: il nevaio della Val Las è resistito (vedi fotografia in alto). “E sembra avere buone possibilità, viste le temperature, di arrivare all’inverno”: afferma Pierino Bigoni.

Le condizioni sembrano quelle del 2019, nel 2018 era rimasto ben poco, nel 2017 tutto il deposito valanghivo si era sciolto.

“Ghiaccio e neve quest’anno sono protetti da un consistente strato di detriti – continua Bigoni – un buono schermo anche per la pioggia. Alla base si è creata una cavità in cui non è sicuro entrare per il rischio crolli”.

Nella zona quest’anno è ancora più evidente un problema che colpisce i boschi. “Sono minacciati dal bostrico – spiega Pierino Bigoni -. E’ incredibile come un piccolo insetto possa portare alla morte alberi di grandi dimensioni”.

 

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here