Home Notizie Università di Bergamo, un corso di perfezionamento dedicato alla montagna

Università di Bergamo, un corso di perfezionamento dedicato alla montagna

L’Università degli Studi di Bergamo continua a guardare ai territori montani. Sulla scia della giornata tenutasi a Clusone lo scorso 13 giugno (intitolata “Verso un’Università dei territori: reticolare, itinerante e aperta”, https://myvalley.it/2021/06/universita-di-bergamo-verso-un-corso-di-laurea-magistrale-nel-contesto-alpino/) per l’anno accademico 2021-2022 è stato attivato il corso di perfezionamento “Valorizzazione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali della Montagna” (maggiori informazioni all’indirizzo https://sdm.unibg.it/corso/valorizzazione-dei-beni-culturali-paesaggistici-e-ambientali-della-montagna/).

Al corso di perfezionamento attivato presso la Scuola di Alta Formazione-SdM dell’Università degli Studi di Bergamo possono accedere laureati (alla triennale, magistrale o a ciclo unico) e uditori (non laureati). Previste anche borse di studio.

«Il corso – spiega Fulvio Adobati Prorettore delegato (ai Rapporti con enti e istituzioni pubbliche del territorio) dell’Università degli Studi di Bergamo – è rivolto sia a giovani neo laureati che intendono rafforzare le competenze sulla progettazione territoriale (con particolare riferimento alla montagna alpina lombarda), sia a professionisti che mirano a lavorare sui temi emergenti della montagna. Le lezioni sono nel fine settimana proprio per corrispondere alle esigenze dei professionisti (il venerdì pomeriggio e il sabato mattina). In questa fase di ritrovata centralità della montagna rappresenta l’occasione per collocarsi dentro un’esigenza di mercato professionale per ruoli di animazione e facilizzazione delle progettualità territoriali».

Nell’ottica della reticolarità e territorialità le lezioni (in presenza e distanza) sono organizzate su più sedi (in Università, a Sondrio, a San Pellegrino e a Clusone). Esempio: uno studente della Val Seriana potrà prendere parte al ciclo di lezioni in presenza organizzato nella cittadina baradella e seguire le lezioni a distanza usufruendo di uno spazio attrezzato. Di fatto un corso di perfezionamento che si avvale di tre punti fisici esterni: tre “aule territoriali”.

Con il corso l’Università degli Studi di Bergamo ha incassato la collaborazione di diversi enti e soggetti del territorio ai quali si sono aggiunti gli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri.