Home Notizie Consegnati i diplomi di dottorato a 61 dottorandi dell’Università degli Studi di...

Consegnati i diplomi di dottorato a 61 dottorandi dell’Università degli Studi di Bergamo

Sessantuno dottorandi sono stati insigniti del titolo di “Dottore di ricerca” per il 2021 nel corso di una cerimonia organizzata dall’Università degli studi di Bergamo, lunedì 11 ottobre, presso l’Aula magna di S. Agostino.

Alla cerimonia hanno partecipato ospiti illustri, tra cui la prof.ssa Amalia Ercoli Finzi, scienziata e massima esperta internazionale nel campo dell’ingegneria aerospaziale, oltre che consulente scientifico della NASA, dell’ASI e dell’ESA, Professoressa onoraria della Facoltà di Ingegneria Industriale del Politecnico di Milano, attenta alla presenza femminile nelle facoltà scientifiche e in particolare nell’Ingegneria aerospaziale. Presenti anche tre grandi personalità bergamasche che si sono distinte per la loro attività accademica, scientifica, clinica, e hanno portato in alto il nome di Bergamo nel mondo. Queste figure sono: il Prof. Luigi Bonandrini, il Prof. Franco Locatelli e il Prof. Giulio Maria Pasinetti, che hanno ricevuto dall’Ateneo orobico un riconoscimento alla carriera.

“È stato emozionante, – commenta il Rettore dell’Università degli studi di Bergamo, prof. Remo Morzenti Pellegrini – dopo tanti mesi di incontri a distanza, ritrovarci quest’oggi per celebrare sessantuno nostri dottorandi che hanno conseguito il titolo che rappresenta il più alto grado di formazione universitaria. Questi giovani costituiscono una preziosa risorsa per l’innovazione e il rilancio del nostro Paese, sia a livello nazionale sia internazionale, e una ricchezza per il territorio bergamasco in un contesto socioeconomico di crescente complessità come quello in cui viviamo”.

Nel corso della cerimonia sono intervenuti il Prof. Gianpietro Cossali, Direttore della Scuola di alta formazione dottorale e la Prof.ssa Amalia Ercoli Finzi, la prima donna in Italia a laurearsi in Ingegneria aeronautica “testimonianza – ha detto il Rettore – di una volontà e di una passione che hanno messo in discussione precise dinamiche sociali e culturali, dimostrando nella pratica come la meritocrazia possa e debba essere l’unico valore dirimente nelle questioni riguardanti la parità di genere e le pari opportunità, una persona d’ingegno che ha senza dubbio contribuito a tracciare il percorso nella giusta direzione”.

La cerimonia è stata inoltre l’occasione per celebrare tre grandi personalità che si sono distinte per la loro attività accademica, scientifica, clinica, e hanno portato in alto il nome di Bergamo nel mondo. L’Ateneo orobico ha infatti consegnato un riconoscimento al Prof. Luigi Bonandrini, al Prof. Franco Locatelli e al Prof. Giulio Maria Pasinetti. “Quello dell’Università di Bergamo – ha affermato il Rettore Morzenti Pellegrini – vuole essere un ringraziamento a personalità che si sono distinte per la loro attività scientifica, clinica e accademica e hanno portato in alto il nome di Bergamo nel mondo. Queste figure sono un esempio di impegno e determinazione per tutti i nostri giovani: non a caso abbiamo scelto di consegnare questo riconoscimento durante la cerimonia di consegna dei Diplomi di Dottorato di Ricerca, alla presenza dei neo dottori. Tre luminari che diffondono la luce, sia nella prassi sia negli studi teorico-scientifici. Il Prof Bonandrini nell’area della Chirurgia generale, il Prof. Locatelli in Pediatria e il Prof. Pasinetti in Neurologia accomunati da un dettaglio biografico: sono tutti bergamaschi e dalle loro esperienze che sono la testimonianza esemplare di come la tenacia, la risolutezza e la concretezza tipiche del nostro territorio si possano tramutare, attraverso la passione e la ricerca, in risorse preziose e interventi risolutori per l’intera nostra collettività, in ambito locale, nazionale e internazionale”.

LE PERSONALITÀ INSIGNITE DEL RICONOSCIMENTO

Prof. Luigi Bonandrini: nato a Casnigo, è il primo bergamasco a ricoprire la Cattedra di Chirurgia d’Urgenza di Clinica Chirurgica e di Storia della Medicina. Specialista di urgenze chirurgiche e di emergenze sanitarie, ha effettuato come primo operatore oltre quindicimila interventi chirurgici, dei quali oltre duemila di alta chirurgia e molti con tecnica videolaparoscopica. In qualità di Direttore ha coordinato oltre ventimila interventi chirurgici di Collaboratori e Specializzandi. È esperto di modelli organizzativi, progetti finalizzati e analisi delle decisioni nel campo dell’assistenza, dell’emergenza e della protezione civile.

Prof. Franco Locatelli: nato a Bergamo, è il primo bergamasco a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio Superiore di Sanità e di Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Nazionale del Ministero della Sanità. È uno dei maggiori esperti mondiali di patologie ematologiche e oncologiche in età pediatrica ed in particolare di trapianti di cellule staminali ematopoietiche e cordonali, per le quali ha sviluppato nuove ed avanzate tecniche di approccio. Ha messo a punto una innovativa tecnica di immunoterapia CAR-T, utilizzando linfociti T geneticamente ingegnerizzati.

Prof. Giulio Maria Pasinetti: nato a Bergamo, dopo gli studi accademici si trasferisce negli Stati Uniti. È il primo bergamasco a ricoprire negli Stati Uniti il ruolo di full professor di Neurologia, Psichiatria, Neuroscienze e Geriatria. È Direttore del Dipartimento di Neurologia e del Centro di Medicina Integrata e Sanità Mentale del Mont Sinai Hospital School of Medicine, uno dei centri universitari e ospedalieri di ricerca più prestigiosi degli USA. Specialista di genomica e dei disturbi neurodegenerativi, ha proposto terapie innovative per le SLA, di riattivazione delle proteine degenerate fino all’ipotesi di un vaccino per il morbo di Alzheimer.