Home Notizie Media Val Seriana, a scuola un anno vissuto “Calorosamente”

Media Val Seriana, a scuola un anno vissuto “Calorosamente”

Ragazzi con i Vigili del fuoco
I bambini incontrano i Vigili del fuoco

“Al fuoco! Al fuoco!”: non è un grido d’allarme, ma il nome della giornata che ha visto protagonisti sulla ciclovia della Val Seriana gli alunni dell’Istituto comprensivo di Vertova. Ben 807 bambini e ragazzi, dai 3 ai 13 anni, hanno concluso all’aria aperta il progetto “Calorosamente”, portato avanti con i loro insegnanti a partire da settembre. Già da alcuni anni le scuole di Colzate, Vertova e Fiorano lavorano sul tema dell’energia e della tutela dell’ambiente: “Siamo partiti dai pannelli solari della scuola primaria di Fiorano, che ci davano energia, perciò coi bambini abbiamo sviluppato un percorso sulle energie alternative per poi dedicarci ai quattro elementi fondamentali: terra, aria, acqua, fuoco – spiega Donatella Redaelli, l’insegnante della primaria di Fiorano che cura il progetto –  Concludiamo gli anni dedicati ai quattro elementi col fuoco”. Il percorso, col tempo, si è allargato a tante realtà del territorio. “Abbiamo iniziato a collaborare con la Fondazione Cardinal Gusmini di Vertova in attività che hanno visto coinvolti anche i pazienti. L’Isiss di Gazzaniga apre le porte dei suoi laboratori scientifici ai ragazzi di terza media. Durante la giornata di oggi siamo assistiti dalla Protezione civile, dai Vigili del fuoco, dalle Guardie forestali, dal Cai di Gazzaniga”, prosegue Donatella Redaelli. Davvero tante le attività proposte lungo la pista ciclopedonale tra Vertova e Fiorano. A partire dal percorso messo a punto dall’Associazione nazionale dei Vigili del fuoco: bambini e ragazzi, con tanto di caschetto, sono diventati piccoli pompieri chiamati ad entrare in una casetta invasa dal fumo, spegnere un principio d’incendio, attraversare un ponte mobile. Ma non sono mancate altre sorprese, come l’incontro con la Protezione civile, il laboratorio preparato dal Comitato genitori, gli esperimenti di cucina della “Maga del fuoco”, le danze della “Fata del fuoco”, l’osservazione del sole con il Circolo astrofili bergamaschi. Alla Baia del Re infine, nello spazio messo a disposizione da Andrea Buelli, tutti si sono cimentati nella “Danza del fuoco”. Il modo migliore per concludere un anno vissuto “Calorosamente”.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here