Home Notizie Albino, festa al laghetto con lo Spi-Cgil

Albino, festa al laghetto con lo Spi-Cgil

Giornata Spi-Cgil laghetto Valgua
Un momento delle premiazioni

Gli ingredienti per una giornata perfetta c’erano tutti: allegria, voglia di stare insieme, occasioni per divertirsi. Mancava solo il sole, che ha fatto capolino solo di tanto in tanto. Ma ad illuminare il laghetto di Valgua, a Bondo Petello, c’era la gioia dei ragazzi diversamente abili coinvolti dai pensionati dello Spi-Cgil in una gara di pesca nell’ambito dei Giochi di Libera Età. Un’iniziativa proposta ormai da diversi anni, ma che è sempre un successo.

«I Giochi di Libera Età – ci ha detto Fausto Orsi dello Spi-Cgil di Gazzaniga – sono nati una ventina di anni fa da un’idea di Carlo Poggi che, stufo di fare il sindacalista, ha deciso di darsi da fare per organizzare il tempo libero ai pensionati. Si svolgono in tutta la Lombardia e dal 2000 sono arrivati in Val Seriana. Noi abbiamo voluto subito andare oltre i pensionati per coinvolgere i ragazzi diversamente abili e gli ospiti delle case di riposo. Quest’anno l’iniziativa è partita ad Albino con una gara al bocciodromo e poi è proseguita lungo la valle con giochi, spettacoli e feste. Siamo quindi arrivati a questa gara di pesca, organizzata dallo Spi-Cgil di Albino e Nembro, che si svolge da anni ed è uno dei momenti più partecipati e apprezzati dai ragazzi».

Albino, Laghetto Valgua
Il laghetto di Valgua

La giornata è stata anche l’occasione per ricordare Gianni Finazzi: «Era uno di noi – lo ha ricordato Romano Alborghetti, anche lui dello Spi-Cgil –. Ogni volta che gli veniva chiesto di fare qualcosa per i pensionati, per i ragazzi diversamente abili, gli si illuminava il viso. La manifestazione di oggi abbiamo potuto farla grazie ai figli Paolo e Silvia che hanno voluto così ricordare il loro papà».

Il significato dei momenti trascorsi al laghetto sta tutto nelle parole lette da Anna Maria, tra i ragazzi protagonisti: «Il tempo non è bellissimo, la giornata lo è. Ci siamo trovati bene con le persone che ci hanno accolto con simpatia e allegria. Lo Spi-Cgil è formato da giovani di spirito, aperti all’accoglienza e alla solidarietà. Non solo verso noi ragazzi, ma verso tutte le persone che hanno bisogno. Abbiamo pescato i pesci, ma soprattutto simpatia e gioia».