Home Notizie Disagio psichico, a Vertova una serata per raccontarsi

Disagio psichico, a Vertova una serata per raccontarsi

La Fondazione «Cardinal Gusmini» di Vertova

Si parla poco di disagio psichico. Forse per una sorta di pudore, a volte per timore. Invece non bisognerebbe aver paura di affrontare questo tema. È quello che sta facendo la Fondazione «Cardinal Gusmini» di Vertova con un ciclo di incontri giunto al terzo appuntamento.

Venerdì 17 giugno, alle 20,30 nella sala polivalente della struttura di via San Carlo, è in programma una serata dal titolo «Senti chi parla». «All’incontro parteciperanno numerosi ospiti – spiega Marianna Mai, operatore della Fondazione «Cardinal Gusmini» –. Anzitutto alcuni utenti, che condivideranno con noi la loro esperienza personale. Ci saranno poi degli operatori, un tecnico della riabilitazione psichiatrica e una psicologa, che condivideranno il significato del loro lavoro, mentre i volontari del Cai di Gazzaniga parleranno del loro coinvolgimento nel progetto di “Montagna terapia”. In conclusione, un familiare porterà il proprio punto di vista rispetto al disagio psichico e alla possibile guarigione sociale di queste persone».

L’appuntamento è promosso dal gruppo «Noi e voi fuori insieme», formato da utenti, familiari, volontari e operatori delle Comunità psichiatriche della Fondazione «Cardinal Gusmini». «Il filo conduttore di tutte le tre serate di sensibilizzazione è il concetto di recovery, quindi di una possibile guarigione sociale, di una rinascita dopo un percorso difficile di disagio psichico», prosegue Marianna Mai.

La serata si concluderà con un piccolo buffet, preparato e offerto dalle comunità della Fondazione. «Verrà distribuito anche il nostro giornalino «Modestamente» frutto di un lavoro condiviso fra operatori e utenti. Lo abbiamo ideato negli ultimi mesi e stiamo cercando di divulgarlo il più possibile sul territorio proprio per sensibilizzare le persone al disagio psichico e a quello che i nostri utenti hanno da raccontare: non solo la sofferenza, ma anche le loro risorse».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here