Home Notizie Punto nascita Piario, prima vittoria dei sindaci al Tar

Punto nascita Piario, prima vittoria dei sindaci al Tar

Il nido, ormai chiuso, dell'ospedale di Piario

Il Tar della Lombardia ha sospeso la delibera con cui a fine giugno la Giunta regionale della Lombardia aveva decretato la chiusura del punto nascita di Piario. Una prima vittoria per i sindaci dell’Alta Val Seriana e Val di Scalve che contro quella decisione avevano presentato ricorso.

Il presidente del tribunale amministrativo ha sospeso l’esecuzione della delibera fino alla prossima Camera di Consiglio, durante la quale si tratterà in sede collegiale l’istanza cautelare (conferma della sospensiva). «Questa notizia non significa che la Camera di Consiglio confermerà la sospensiva o concederà l’annullamento della delibera e quindi la riapertura del punto nascita, ma è il primo passo significativo che dimostra che la scelta condivisa e unanime da parte dei 24 sindaci di intraprendere un ricorso al Tar, a difesa del territorio, non è stata vana», commenta la presidente dell’assemblea dei sindaci dell’Alta Val Seriana e Val di Scalve, Antonella Luzzana.

Nel frattempo, ci sono anche le prime reazioni in Regione (qui quella dell’assessore al Welfare Giulio Gallera). Paolo Franco, consigliere bergamasco di Forza Italia, commenta: «Ho già parlato con l’assessore Gallera, che aveva definito una prima base con i sindaci del territorio per continuare a investire nel presidio ospedaliero. Se si riapre questa situazione sarà necessario, come più volte sottolineato dal sottoscritto, che il direttore dell’Asst sia pronto per un piano di mantenimento dell’ospedale. Se il Tar concedesse l’annullamento della delibera, il tema vero sarà la capacità di erogare servizi. Ma è un problema che si può risolvere attraverso una programmazione territoriale. Aspettiamo gli sviluppi. Come consigliere regionale neoletto, l’obiettivo che continuo a perseguire è una programmazione per il futuro dell’ospedale».

«L’ordinanza del Tar è una prima vittoria per chi sostiene da mesi la battaglia contro la chiusura del punto nascita di Piario – commenta invece Jacopo Scandella, consigliere del Partito democratico -. Grazie ai sindaci che hanno intrapreso la strada del ricorso nel merito raccogliendo le preoccupazioni e le richieste di un territorio che è stato già privato negli anni di numerosi servizi pubblici. Ora speriamo che la maggioranza in Regione faccia lo stesso e riveda una programmazione fortemente penalizzante per il territorio montano».

Arrivano i primi commenti anche da parte dei parlamentari bergamaschi. «La decisione del Tar è molto positiva», dichiara Antonio Misiani, senatore del Pd. «È una sospensiva, un primo passaggio, ma si tratta di un pronunciamento positivo perché va nella direzione auspicata da tanti cittadini che in questi mesi si sono mobilitati e da ben 24 sindaci della valle, che hanno presentato ricorso. Ora la giunta regionale dovrebbe ascoltare il territorio bergamasco riformulando una proposta condivisa, capace di salvaguardare i servizi pubblici prioritari per le comunità locali e di superare logiche di riorganizzazione ispirate solo a criteri economicistici. Speriamo che questa linea venga convintamente sostenuta anche dai consiglieri regionali e dai parlamentari della Lega e di Forza Italia».

6 COMMENTI

  1. speriamo non sia un contentino per poi darci la mazzata, sarò pessimista ma non vorrei che non si investa in migliorie e il punto vada ad “estinguersi” da solo….

    • I TUOI elletti;caro walter,io gli attuali amministratori della regione Lombardia,NON LI HO VOTATI!
      Cospargiti il capo di cenere e vai in pace…

  2. Leggi meglio. Gli attuali eletti a comandare in Regione, come quelli di prima, non li ho mai votati. Altrimenti non li criticherei. Alla faccia delle dichiarazioni di voler rappresentare la volontà degli italiani (come dice Salvini). O dice bugìe pur di avere voti, o non non siamo italiani. Alla faccia dell’autonomia che reclamano da Roma (dove pure comandano). Quindi non ho bisogno di cenere sul capo. Spero che i leghisti si ravvedano e aprano gli occhi. In regione comandano da decenni, dando colpe al Governo per le cose che non vanno. Ora sono al Governo e si occupano d’altro. Forse han preso i montanari per africani.

    • Neghi di aver votato i leghisti,e poi scrivi che speri in un loro ravvedimento. C’é qualcosa che non quadra,come ai”bei”tempi della dc,molti la votavano,e poi quasi tutti negavano di averlo fatto. La lega ha governato in compagnia di sforza italia per quasi dieci anni(còsa che tuttora fa ancora in regione Lombardia…)il nostro governo nazionale,e non hai capito chi sono Walter,ci speri ancora?! Poi,gli Africani scambiati con noi(montanari);che tu sia leggermente un pò leghista salta agli occhi evidentemente dopo aver letto certe tue frasi. Cospargiti cospargiti che é meglio! PS una persona onesta intelletualmente,e non campanilista sa e capisce quando criticare giustamente anche coloro che ha votato quando essi sbagliano. Il tuo ragionamento li ho votati perciò non li critico,fa acqua da tutte le parti come altri tuo ragionamenti,ripeto cospargiti cospargiti,ne hai estremo bisogno!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here