Home Notizie Elezioni Piario, la lista di Pietro Visini

Elezioni Piario, la lista di Pietro Visini

Come cinque anni fa, i cittadini di Piario dovrebbero trovare un unico simbolo sulla scheda elettorale del 26 maggio. Salvo sorprese dell’ultima ora, in corsa per le amministrative ci sarà solo la lista civica “Dialogare per progredire”. Candidato sindaco il primo cittadino uscente Pietro Visini, che insegue il suo terzo mandato (nei Comuni sotto i cinquemila abitanti la legge lo consente).

Lista e candidati sono stati presentati venerdì 12 aprile in un incontro pubblico al Centro sportivo del paese. «Il nostro gruppo si presenta molto rinnovato all’appuntamento con il voto – spiega il candidato sindaco -. Ci sono sei volti nuovi, alcuni dei quali molto giovani. Sono tutti molto motivati e pronti ad assumere compiti specifici all’interno della prossima amministrazione comunale».

Questi i nomi: Martina Bastioni (22 anni, studentessa), Simone Beretta (18 anni, studente), Giada Cominelli (18 anni, studentessa), Marcello Confalonieri (41 anni, dipendente pubblico), Erica Peroni (38 anni, impiegata), Francesco Zanotti (21 anni, operaio). A loro si aggiungono anche quattro consiglieri uscenti: Mario Baronchelli, (48 anni, commerciale), Renato Bastioni (74 anni, pensionato), Ivan Colombo (47 anni, libero professionista), Gianluigi Visini (49 anni, artigiano).

Tra i punti del programma, ci sono interventi sul municipio e la palestra, idee per la raccolta differenziata e la la pista ciclabile, proposte per un’area fitness all’aperto e un tracciato per mountain bike con dune e paraboliche. Ma la priorità è soprattutto una. «Vogliamo riuscire a realizzare finalmente la bretella per togliere il traffico pesante dal centro storico – aggiunge Visini -. In questi giorni i maggiori proprietari dei terreni hanno accettato di sottoscrivere i bonari accordi. Ora si passa alla progettazione finale. Ci auguriamo che la strada si possa inaugurare entro fine anno».

Nel caso non ci fossero altre liste, per essere eletti Visini e il suo gruppo dovranno superare il doppio quorum. Come prevede la legge, il numero dei votanti non dovrà essere inferiore al 50 per cento degli elettori e la lista dovrà ottenere un numero di voti validi non inferiore al 50 per cento dei votanti. In caso contrario, il Comune verrà commissariato.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here