Home Notizie Villa d’Ogna, l’Università della Terza età fa il pienone

Villa d’Ogna, l’Università della Terza età fa il pienone

(Foto Elio Baronchelli)

Quattro i pilastri per invecchiare bene, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità. Uno è la cultura (gli altri sono alimentazione sana, attività fisica e relazioni sociali). In alta Val Seriana, almeno da questo punto di vista, le indicazioni sono prese alla lettera visto i partecipanti che ogni anno affollano i corsi Anteas (Associazione nazionale tutte età per la solidarietà).

Quest’anno erano 114. Perlopiù pensionati. Da vent’anni l’Università della Terza età promossa dall’associazione Cisl in collaborazione con i Comuni dell’Asta del Serio è un appuntamento fisso negli otto paesi tra Piario e Valbondione. L’obiettivo è quello di contribuire ad affermare una nuova “cultura dell’anziano” diffusore di valori, di memorie, di esperienze di vita preziosi per la comunità.

(Foto Elio Baronchelli)

La prima edizione venne ospitata nel 1999 da Villa d’Ogna, come quella di quest’anno, che si è chiusa ieri (martedì 26 novembre) nell’auditorium dell’oratorio “Beato Alberto”. I corsi hanno affrontato il tema “Storie di donne e uomini tra cultura locale e prospettive generali”. ll ciclo di incontri intendeva proseguire il programma del biennio precedente, ponendo l’attenzione alle tante questioni che avvicinano anche il nostro territorio a una prospettiva più generale riguardo all’attualità, alla storia, alla scienza e alle arti.

(Foto Elio Baronchelli)

Sono stati trattati argomenti legati all’astronomia, alle prospettive future del commercio internazionale e alla situazione del fiume Serio. Un incontro è stato dedicato alla storia degli insediamenti abitativi dell’Alta Valle Seriana. Ma è stata ricordata anche la figura di Leonardo da Vinci, a 500 anni dalla sua morte. Approfondite le storie di Clara Maffei, signora del Risorgimento italiano, e del Beato Alberto, religioso del Duecento nativo di Villa d’Ogna.

Remo Morzenti Pellegrini e la sindaca di Villa d’Ogna Angela Bellini (Foto Elio Baronchelli)

Ha chiuso il ciclo d’incontri il rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, che ha parlato del rapporto tra la scuola e il mondo del lavoro in Alta Valle Seriana. All’appuntamento hanno partecipato anche sindaci e amministratori degli otto comuni coinvolti. A tutti i corsisti è stato consegnato un attestato di partecipazione. 

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here