Home Notizie Ardesio, una cinquantina di trattori per la Giornata del Ringraziamento

Ardesio, una cinquantina di trattori per la Giornata del Ringraziamento

Sono una cinquantina i mezzi agricoli che questa mattina hanno preso parte alla Giornata Zonale del Ringraziamento ad Ardesio organizzata da Coldiretti con il patrocinio del Comune e della Comunità Montana della Valle Seriana.

Intorno alle 9 nel parcheggio accanto al cimitero uno a uno sono arrivati i trattori con le sventolanti bandiere gialle di Coldiretti. Alcuni adornati anche con fiori. Un’occasione di ritrovo per i coltivatori, allietata dalla presenza della banda di Ardesio.

Presenti il primo cittadino e presidente del Parco delle Orobie Bergamasche Yvan Caccia, l’assessore della Comunità Montana della Valle Seriana Angelo Bosatelli e il presidente del Gal Valle Seriana e Laghi Bergamaschi Alex Borlini. Dopo la sfilata dei trattori per le vie del centro la Santa Messa, la benedizione, un secondo corteo e il pranzo.

Alberto Brivio

«La partecipazione odierna è interessante – afferma il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio -, ma credo che oltre ai numeri sia necessario evidenziare il ruolo che riveste l’agricoltura in montagna. Considerando come i mutamenti climatici ci mostrino ogni giorno la fragilità di questi territori e il fatto che il mantenere determinati ambiti (ambientali e naturalistici) sia ormai diventato di quasi esclusiva competenza e pertinenza dell’agricoltura, il mondo agricolo per i territori di montagna assume un’indiscutibile rilevanza. Non solo sotto il profilo ambientale, ma anche economico: è infatti una risorsa importante che nelle nostre montagne ha saputo produrre qualità e insieme a questa anche socialità. Se non ci fosse l’agricoltura, certe aree molto fragili del nostro territorio provinciale montano sicuramente vivrebbero situazioni molto più pesanti. Credo che i valori espressi da Coldiretti in questo caso siano valori importanti da tenere in considerazione. Quanto fanno i nostri agricoltori è fondamentale per il territorio e la società in generale. L’idea di tramandare questi valori ai giovani è un aspetto che teniamo in considerazione: l’agricoltura deve continuare».

Quella di oggi è un’occasione per dire grazie per il raccolto degli ultimi mesi, ma anche per ricordare alcune problematiche del settore. «Una delle più ricorrenti è la pesante burocrazia – ha spiegato Carlo Belotti, segretario di zona di Coldiretti -. Come vediamo oggi ci sono parecchi giovani che a volte si trovano dissuasi a volere avviare attività per via della pesante burocrazia. Per questo vogliamo chiedere agli enti di essere meno pressanti dal punto di vista burocratico. La partecipazione è buona, in Valle Seriana non è facile vedere tutti insieme così tanti trattori. Siamo soddisfatti».

Aldo Pasini di Gandellino ha aperto il corteo con un mulo con un cartello: “Io sono il trattore di una volta”.

1 COMMENTO

  1. Anche questa é Italia, Trattori con a bordo più di una persona (vietato dal codice della strada!) Io ne ho visti alcuni con a bordo autista e due “passeggeri” sfilare per Ardesio. E l’agente di PL li a guardare insieme a Sindaco etc. Dimenticavo c’é anche qualcuno (ripreso da Antenna2) che ha fatto gincane difronte al comune col Tratur. Tutto ok era li la festa vero?!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here