Home Notizie Addio a William Petriccioli, diede vita al gemellaggio tra Clusone e Le...

Addio a William Petriccioli, diede vita al gemellaggio tra Clusone e Le Raincy

William Petriccioli, a destra, con la moglie Irene Visini

Ha suscitato cordoglio anche a Clusone la scomparsa, in Francia, di William Petriccioli. Aveva 89 anni e contribuì a dare il via al gemellaggio con la cittadina di Le Raincy. Un rapporto d’amicizia che dura tuttora. Si è spento venerdì sera.

La moglie di Petriccioli, Irene Visini, è originaria delle Fiorine di Clusone. Lui, invece, aveva radici a Pontremoli, in Toscana. Da questo legame con l’Italia, e con l’Alta Val Seriana in particolare, nacque il gemellaggio. «Nel 1982 ero sindaco di Clusone – ricorda l’ex primo cittadino di Clusone Giorgio Merletti – e William Petriccioli venne da me in negozio. Si presentò e mi disse che era di Le Raincy, cittadina alla periferia di Parigi, e che cercava un comune che si gemellasse con loro perché erano in una zona con un alto numero di italiani. Nacque lì il gemellaggio tra le due città, ma nacque anche tra di noi una grande amicizia».

Merletti racconta anche un retroscena: «Allora da noi non c’era ancora la cultura dei gemellaggi, loro invece erano già gemellati con una cittadina dell’Inghilterra. All’inizio avevano pensato di stringere un rapporto d’amicizia con un comune tedesco, ma al loro interno c’era una consigliera che aveva vissuto la realtà dei campi di concentramento e si oppose. Scelsero allora l’Italia». Fondamentale fu, naturalmente, anche il legame con gli emigrati bergamaschi.

Petriccioli divenne il primo presidente dell’associazione “Les amis de Clusone” (Gli amici di Clusone) che negli anni curò da parte francese il rapporto tra le due cittadine. «Con loro si instaurò subito un bel clima – prosegue Merletti -. Quando andavamo in Francia ci portavano a visitare un sacco di posti e altrettanto facevamo noi quando loro venivano in Italia. Ci furono anche scambi che coinvolsero i ragazzi, ospitati nelle famiglie. Potemmo contare sul loro appoggio persino quando persone di Clusone ebbero bisogno di cure specialistiche in Francia».

William Petriccioli venne intervistato da Antenna2 insieme alla moglie a LeRaincy, in occasione del trentesimo del gemellaggio. Qui il video della puntata di Decoder dedicata a quell’appuntamento:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here