Home Notizie Schilpario ricorda l’eccidio ai Fondi

Schilpario ricorda l’eccidio ai Fondi

Oggi, 28 aprile 2020, ricorrono 75 anni dall’eccidio dei Fondi di Schilpario, quando perirono 12 persone che dopo la fine della guerra si mossero verso la zona sopra il paese con l’intento di disarmare i militi della Tagliamento.

Vennero invece accolti dal piombo delle mitragliatrici. Caddero così 12 persone, tra civili e partigiani, sorpresi nella notte dal fuoco nemico.

In vista dell’importante anniversario l’amministrazione comunale nei mesi scorsi aveva programmato diverse iniziative. Non potendo organizzare cerimonie, per ricordare i 12 caduti è stato comunque dedicato un momento davanti alla lapide sulla facciata di una casa tra via della Clusa e piazza dell’Orso.

«Abbiamo ritenuto importante ricordare questo anniversario della strage avvenuta ai Fondi sulla strada che porta al Passo del Vivione – afferma il primo cittadino Marco Pizio -. Tre giorni dopo la liberazione 12 nostri cittadini sono caduti in un’imboscata e hanno perso la vita a guerra ormai conclusa. Da allora la comunità di Schilpario ricorda questo evento ed è forse l’unico modo per tramandare ai giovani gli eventi bellici. Quest’anno avevamo in mente diverse iniziative (anche pubblicazioni). Non siamo riusciti a ottemperare il nostro desiderio, lo ripeteremo durante l’estate. Abbiamo tuttavia voluto apporre un omaggio floreale presso la lapide che abbiamo posto in paese con il nome delle 12 vittime. Una cerimonia molto contenuta con poche persone, il presidente della commissione biblioteca che ha voluto organizzare tutto questo, l’assessore alla Cultura, il parroco e il sottoscritto».

«Sono contento – afferma Attilio Maj, che quella notte perse il padre e altri componenti della sua famiglia – che nonostante l’attuale situazione siamo riusciti ad avere un momento per ricordare cosa è successo. In questa piazzetta salirono sui camion cinque persone. Spero si possa continuare a ricordare quanto accaduto».

L’isolamento non ha permesso l’esecuzione del brano “La notte dei Fondi” realizzato da Giorgio Cordini con la moglie Luisa Moleri e inserito nel CD “Piccole Storie”. Negli ultimi anni il brano ha fatto da colonna sonora alle cerimonie in località Fondi e anche con altre iniziative promosse nelle scuole e alla casa di riposo.
Una registrazione effettuata a distanza nell’aprile 2020 del brano “La notte dei Fondi”, eseguito da Giorgio Cordini (chitarra e voce), Marta Cordini (voce) e Anna Zingarelli (violoncello), sarà proposta al termine dell’edizione delle 19.20 del telegiornale di Antenna2 in onda questa sera (martedì 28 aprile).

1 COMMENTO

  1. Una terribile tragedia, purtroppo dimenticata dai più.
    Bravi voi che l’avete ricordata, e tutti coloro che ne tramandano la Memoria!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here