Home Notizie Clusone, come procedono i lavori per la nuova caserma dei carabinieri

Clusone, come procedono i lavori per la nuova caserma dei carabinieri

Persi due mesi interi a causa dello stop imposto dal lockdown, i lavori sono ripresi a maggio. Sperando non ci siano altri imprevisti, a Clusone la nuova caserma dei carabinieri dovrebbe comunque essere pronta nella primavera del 2021.

Il nuovo complesso sta sorgendo negli spazi lasciati liberi dalla Comunità montana, in via Sant’Alessandro. Ospiterà sia il comando della Compagnia di Clusone sia la stazione della cittadina. L’importo del progetto è di 2 milioni e 400 mila euro (1 milione 863 mila euro a base d’appalto, 30 mila di oneri per la sicurezza). I lavori sono stati affidati alla Mida Impianti srl di Sondrio, che ha vinto la gara d’appalto offrendo un ribasso del 25,11%. In virtù del ribasso, l’importo del contratto è dunque di 1 milione 402 mila euro.

Siamo stati nel cantiere di via Sant’Alessandro per fare il punto con Giampiero Benzoni, direttore dei lavori, e con Francesco Cornolti, assessore ai Lavori pubblici della Comunità montana Valle Seriana (l’ente che sta seguendo l’intervento). «La consegna dei lavori è stata effettuata a metà gennaio – spiega Benzoni -, ma tutto è stato sospeso a inizio marzo in seguito al lockdown. L’intervento è ripreso il 9 maggio. Abbiamo quindi avuto un fermo di due mesi. Lo stop è stato un grosso problema perché ha comportato l’interruzione di parecchie lavorazioni. In seguito allo spostamento temporale che si è verificato, dovremmo finire verso marzo o aprile dell’anno prossimo».

Attualmente comando di Compagnia e stazione dei carabinieri sono in un immobile di via Venezia, lungo la provinciale per Lovere, ormai non più adeguato alle esigenze attuali. «Questo intervento è fondamentale, non solo per Clusone e la Val Seriana, ma anche per tutto il territorio su cui ha competenza la Compagnia carabinieri. La Comunità montana, insieme con la Regione, l’Amministrazione comunale di Clusone e gli altri Comuni si è data da fare per questo intervento e finalmente i lavori sono partiti», aggiunge Cornolti.

Nel video, l’ingegner Benzoni spiega che cosa prevede il progetto:

1 COMMENTO

  1. Bisognerebbe almeno togliere il logo della comunità montana, dall’esterno edificio però, così tanto per non confondere le idee.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here