Home Notizie Vaccini antinfluenzali, si organizzano gli spazi per la prossima campagna

Vaccini antinfluenzali, si organizzano gli spazi per la prossima campagna

A seguito della consultazione condotta tra luglio e agosto dall’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo sono circa 270 i medici di medicina generale che hanno manifestato l’esigenza di condurre le vaccinazioni antinfluenzali al di fuori del proprio ambulatorio. Per loro l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, in collaborazione con i Comuni, la Diocesi e l’Aler, si è attivata al fine di individuare postazioni presso i 110 Comuni i cui verranno effettuate le vaccinazioni.

Il lavoro di individuazione degli spazi, in aggiunta rispetto agli studi dei Medici di Medicina Generale e alle sedi dei Presst, sta proseguendo secondo la calendarizzazione che l’Agenzia di Tutela della Salute si era data e che consentirà di essere pronti per l’inizio delle attività vaccinali secondo la tempistica che Regione Lombardia ha definito.

Per quando riguarda gli spazi, gli incontri con i sei Comuni più grandi stanno procedendo in un clima di grande collaborazione e sono in fase di individuazione i luoghi adeguati. Sono in corso da giorni le verifiche degli spazi da parte del DIPS di ATS per stabilirne l’adeguatezza: ad oggi le postazioni nei 110 Comuni state quasi completamente individuate.

Per quanto riguarda il lavoro delle Asst, i piani che hanno presentato consentiranno di aumentare il numero delle vaccinazioni fatte dalle Asst stesse lo scorso anno: lunedì 7 settembre c’è in agenda un momento di verifica con le tre Asst.

Ats ha avuto modo di confrontarsi anche con altre componenti del sistema dei servizi che hanno offerto la loro disponibilità e con le quali sono in corso i necessari approfondimenti.

“Abbiamo condotto un’attenta analisi del territorio e delle esigenze della popolazione, sondando con più interlocutori la possibilità di avere spazi da mettere a disposizione di quei medici di medicina generale che non potranno utilizzare il proprio ambulatorio – spiega Massimo Giupponi, direttore generale dell’Agenzia di Tutela della Salute – Abbiamo così individuato oltre cento postazioni che stiamo puntualmente verificando per arrivare a fine settembre con la predisposizione di una mappa dettagliata delle sedi in cui ciascun medico potrà vaccinare e, naturalmente, gli orari a disposizione. Ringrazio quindi le Amministrazioni comunali, la Diocesi e l’Aler per la collaborazione che hanno dato segnalandoci spazi utili”.

L’Agenzia di Tutela della Salute ha anche attivato un software dedicato ai medici di medicina generale, che potranno prenotare gli slot per i propri assistiti nelle diverse postazioni disponibili.

I 270 professionisti che hanno l’esigenza di vaccinare al di fuori del proprio ambulatorio hanno una platea di circa 95.000 assistiti aventi diritto alla vaccinazione in quanto rientrano nelle categorie previste dalla legge.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here