Home Notizie Didattica a distanza, Scandella: “La scuola è una priorità. Dove possibile, molto...

Didattica a distanza, Scandella: “La scuola è una priorità. Dove possibile, molto meglio una didattica mista”

Oggi sindaci e Fontana si sono confrontati sull’ordinanza relativa alla didattica a distanza nelle scuole secondarie. Ecco a seguire la posizione del consigliere regionale lombardo del Partito Democratico Jacopo Scandella.

“La didattica a distanza è una risorsa, ma non possiamo abusarne. Si modifichi l’ordinanza regionale prevedendo una modalità di utilizzo parziale e non al 100% come farebbe intendere il documento firmato ieri dal presidente Fontana. Il tema non è sottovalutare il contagio, ma al contrario mettere in campo le misure migliori per contenerlo e allo stesso tempo non pesare ulteriormente sulla scuola che tutti abbiamo definito essere la priorità. Se lo è, dobbiamo pesare i provvedimenti, ovviamente in base ai dati del contagio anche sui territori, facendo in modo di non creare difficoltà al sistema scolastico. Molte classi, tra l’altro, fanno già didattica a distanza a causa di isolamenti fiduciari e quarantene: fino a che possiamo, manteniamo una quota di presenza, perché è una grande occasione per promuovere comportamenti virtuosi tra i ragazzi e teniamoci la carta della didattica distanza al 100% solo per un malaugurato e non auspicabile nuovo lockdown”.

Lo dichiara il consigliere regionale del PD Jacopo Scandella intervenendo in merito all’incontro di oggi tra il presidente Attilio Fontana e i sindaci lombardi sulle restrizioni contenute nell’ultima ordinanza regionale e, in particolare, sullo svolgimento delle attività didattiche che dal prossimo 26 ottobre dovrebbero svolgersi al 100% a distanza, per tutte le scuole lombarde superiori di secondo grado.

4 COMMENTI

  1. Jacopo, le mezze misure non valgono a nulla. Si parla che la scuola non sia responsabile dei contagi in aumento ( io sono scettico…) e siamo concordi che la scuola è importante ma poi gli illuminati danno la colpa ai trasporti. Come diceva il grande M.F. delle due l’una. O i ragazzi per andare a scuola volano oppure come si fa a risolvere il problema del trasporto (ridurlo) se non facciamo la didattica a distanza?
    Me sarò ouna bora ma garie mia a capi! la fo po curta…atzalude!

    • I trasporti si possono migliorare mettendo in campo gli autonoleggio privati. Che senza gite scolastiche e uscite didattiche sono in cassa integrazione. I numeri dei contagi nelle scuole sono comunque più basse di quelle dei bar!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here