Home Notizie Gandino, in oratorio un nuovo spazio speciale

Gandino, in oratorio un nuovo spazio speciale

È stata inaugurata nel pomeriggio di sabato 4 dicembre a Gandino la nuova “Stanza Ado” realizzata, grazie al lavoro dei ragazzi, nell’ala dell’oratorio e dedicata a Pietro Presti, morto anni fa in un incidente stradale.

Presenti alla cerimonia il parroco don Innocente Chiodi, Marco Presti fratello di Pietro a nome della famiglia, l’assessore ai servizi sociali Paolo Tomasini e il vicesindaco Filippo Servalli.

“Questa stanza ci piace un sacco – spiegano con entusiasmo i ragazzi guidati da don Manuel Valentini -, ci è costata fatica, ma ci dà pure tanta soddisfazione. Vuol essere ispirazione di novità, avendo nel cuore il nostro territorio. Vogliamo dare vita a un futuro buono per tutti. Vogliamo ringraziare chi ha permesso la ristrutturazione della stanza, l’Unità Pastorale, i sacerdoti, i volontari che hanno donato tempo, gli educatori e i ragazzi che hanno progettato e lavorato assiduamente per la realizzazione. Ringraziamo tutti coloro che hanno donato un’offerta”.

La stanza ha un proprio logo, disegnato dalla giovanissima Ilaria Scaburri e punta a divenire un lungo di aggregazione per tutti e stimolante.

 

“Crediamo e vogliamo – sottolinea don Manuel – che i nostri ragazzi siano il futuro buono che la Chiesa e il mondo desidera. Questo progetto vuole accogliere tutti i giovani, non solo della nostra comunità, ma della Valle. Tutti coloro che vogliono trovare un luogo che sia per loro di ispirazione, rifugio, accoglienza,
creatività, svago e crescita. L’inaugurazione è solo il primo passo, ci sono ancora piccole rifiniture da fare, ma soprattutto
ora c’è da vivere questo posto, che non è solo un luogo, ma uno strumento per la relazione e per lo scambio di esperienze”.

A dicembre sono già in programma alcune serate dalle 19 alle 23 in modalità condivisa.