Home Notizie Giardino dei Giusti, questa sera l’incontro a Clusone

Giardino dei Giusti, questa sera l’incontro a Clusone

Questa sera a Clusone è in programma l’incontro con cui l’associazione Il Testimone presenterà l’idea di avere un Giardino dei Giusti anche in alta Valle Seriana, dove non sono mancate persone che di fronte a quanto stava accadendo durante la seconda guerra mondiale con gli ebrei non rimasero inermi e in silenzio.

L’ospite principale della serata, Gabriele Nissim, scrittore e presidente di Gariwo, questa mattina ha incontrato i ragazzi del Fantoni grazie a un’iniziativa promossa con il progetto “Pace”. Tema dell’intervento: “Dalla memoria del bene ai Giusti del nostro tempo”.

«I Giusti che non sono né santi né eroi – afferma Nissim -, ma persone normali come tutti possono esserlo, sono capaci di fare scelte. Noi vediamo che sempre nella storia, nei momenti più bui, le persone hanno una capacità di pensare e giudicare. Se guardiamo nel passato, durante le leggi razziali, ci sono state persone che hanno salvato gli ebrei, persone che di fronte a una situazione negativa hanno deciso di prendersi delle responsabilità».

Ma è accaduto anche altrove. «Ce ne sono state anche con il genocidio degli armeni, in Cambogia, in Ruanda – continua Nissim -. Esistono anche nel nostro tempo perché anche oggi ci sono persone, ad esempio alcuni mussulmani, che hanno salvato diverse vite umane durante gli attentati. Penso al caso di quella guida tunisina che ha salvato un gruppo di italiani durante l’attentato al Bardo o persone che si danno da fare per salvare gli emigranti. Il messaggio che vogliamo dare ai giovani è quello di dire che la storia dipende da ognuno di noi. Possiamo essere spettatori o indifferenti nei momenti difficili e complicati. Accade anche questo. Penso a quanto accaduto a Venezia con un ganese che si è buttato nel mare e tutti i turisti sulle barche sono rimasti a guardare. Se qualcuno si fosse gettato in acqua gli avrebbe salvato la vita e anche altri lo avrebbero aiutato nel farlo».

Per essere Giusti non servono caratteristiche particolari. «I Giusti – spiega – non sono di destra o sinistra, non hanno etichette. Essere responsabile non dipende da cultura, credenze, professione, ma a un certo punto nella vita capita di dovere scegliere. Il nostro lavoro è di rappresentare figure del passato e dimostrare ai giovani che esiste una possibilità: l’agire. I Giusti di ieri non ci consegnano un testimone o ci dicono cosa fare, siamo noi a dovere decidere: questo è il problema infinito dell’umanità, umanità che deve sempre scegliere nel corso della storia».

L’appuntamento di questa sera (4 maggio), che ha il patrocinio della Comunità Montana e di tutti i Comuni dell’Alta Valle, avrà luogo a Clusone, alle ore 20,45 presso l’auditorium delle Scuole Elementari di via Roma, 9.

Giovanni Cominelli, presidente dell’associazione Il Testimone

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here