Home Notizie Parre, Sapori e Tradizioni sempre più ricco

Parre, Sapori e Tradizioni sempre più ricco

Sabato 24 e domenica 25 giugno 2017 Parre torna al suo antico splendore, come 100 anni fa. Tra le vie e i cortili più caratteristici di ‘Parre Sopra’ si svilupperà un percorso storico-culturale che ci riporta alle tradizioni e ai costumi tipici del paese. Gli abitanti di Parre in abbigliamento tradizionale mostrano i lavori di una volta e daranno vita a una rivisitazione di come appariva la vita quotidiana 100 anni fa.

Scultori del legno, mercatino di hobbisti e artigiani, spettacoli folcloristici dei gruppi locali di Parre e della provincia bergamasca, giri in pony con battesimo della sella e giri in carrozza, dimostrazioni di ferratura dei cavalli, di soffiatura del vetro, di filatura, scultura del legno e tanto altro. Partecipazione straordinaria dei falconieri e dimostrazione di falconeria, angolo con esposizione di pavoni e avicoli.

Vendita di prodotti tipici bergamaschi come salumi, formaggi, miele, marmellate, vino e tanto altro. Si potranno assaggiare e acquistare anche birre artigianali dei micro birrifici della provincia di Bergamo, con un percorso gustativo che permette di ripercorrere tutti i cortili, e nei cortili sarà possibile gustare i tipici Scarpinocc e gli altri piatti della cucina bergamasca come Capù di Parre e Gnoch in cola.

Sarà anche l’occasione per conoscere la storia e l’arte del paese attraverso visite guidate ai monumenti e alle chiese di Parre e visita alla casa della Pierina, un luogo magico dove il tempo si è fermato a 50 anni fa, visitabile durante tutto il periodo della festa.

Sabato sera l’avvincente Palo della Cuccagna. Il tutto si svolgerà nel centro storico della parte alta di Parre tra i cortili più caratteristici del piccolo borgo ed è organizzato dalla pro loco di Parre con il patrocinio del Comune.

1 COMMENTO

  1. Cosa centra con le tradizioni, una bombola con bruciatore a gas per cuocere la polenta ed un trapano a batteria per girarla, cosa c’entrano con le tradizioni?!
    Le tradizione dice che la polenta va cotta sulla fiamma di un fuoco a legna, e girata mentre la si cuoce con un bastone di legno. Quella della vostra fotografia non è tradizione, ma improvvisazione!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here