Home Notizie Internet, arriva il “modem libero”. Cosa cambia per gli utenti

Internet, arriva il “modem libero”. Cosa cambia per gli utenti

Da dicembre chi sottoscriverà un nuovo contratto per internet su linea fissa potrà utilizzare un proprio modem, senza essere costretto a scegliere quello imposto di default dall’operatore.  Un’opportunità per tagliare i costi di “noleggio” e di assistenza e abbassare così il canone da pagare ogni mese. Chi invece ha già un abbonamento e vuole cambiare il modem dovrà aspettare un mese in più, visto che potrà farlo a partire da gennaio 2019.

«Si tratta di una svolta epocale che favorirà l’innovazione e la concorrenza sia tra i produttori che commercializzano i propri router sul libero mercato, sia tra gli stessi operatori internet», sottolinea l’Adiconsum di Bergamo. Cosa cambia sostanzialmente? I provider non potranno bloccare o impedire ai clienti di utilizzare i loro servizi a patto che l’apparecchio soddisfi i requisiti tecnici di base, che dovranno essere concordati al momento della stipula del contratto. Inoltre, dovranno mettere a disposizione un manuale d’istruzioni che permetta agli utenti di configurare facilmente i loro prodotti.

«Chi deve aprire un nuovo contratto – dice Mina Busi, presidente di Adiconsum Bergamo -, si troverà di fronte un’offerta con due costi diversi: uno comprensivo di canone per l’acquisto del modem e uno svincolato. In entrambi i casi, l’operatore non potrà discriminarci e avremo comunque diritto ad un minimo di assistenza, anche qualora scegliessimo di usare un altro apparecchio. Chi invece è già sotto contratto, verrà avvisato entro il 31 dicembre con l’offerta adatta a lui. Ai consumatori che stanno pagando a rate un terminale, gli operatori dovranno garantire,  entro il prossimo 31 dicembre, di poterne usufruire gratuitamente o dar loro la possibilità di usarne un altro senza alcun costo aggiunto. Se invece è già stato acquistato o ricevuto in forma gratuita, si potrà continuare ad utilizzarlo senza costi aggiuntivi, anche nel caso si decida di cambiare fornitore. In tutti i casi, ci sarà la possibilità di disdire gratuitamente il contratto».

In qualche modo la delibera, nel momento in cui dice che l’operatore deve prevedere un’offerta con modem e una senza, punta a far emergere eventuali comportamenti scorretti. «Nessuno – precisa Adiconsum – potrà proporre una offerta a 29,99 euro al mese con modem e una sempre a 29,99 euro senza modem. Però potranno proporre una offerta da 34,99 euro con modem, dove 5 euro vengono scontati perché, con il modem dell’operatore, l’attivazione e l’assistenza sono più semplici in quanto il modem si auto-configura».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here