Home Notizie Investimento a Ponte Nossa, donna in prognosi riservata

Investimento a Ponte Nossa, donna in prognosi riservata

Grave incidente stradale nel tardo pomeriggio di oggi (mercoledì 13 novembre) a Ponte Nossa. È successo intorno alle 17,20 nella zona della stazione.

Una donna di 52 anni, residente a Trescore, è stata investita mentre stava attraversando la strada. Alla guida dell’auto c’era invece un 73enne di Cerete. Sottoposto all’alcol test, è risultato negativo.

Per i soccorsi sono intervenute in codice rosso l’automatica e due ambulanze della Croce Verde di Colzate e del Corpo volontari Presolana. Oltre alla donna è stato infatti soccorso anche il marito, colpito da malore. Sul posto anche i carabinieri di Ponte Nossa e del Nucleo radiomobile di Clusone.

Trasportata in codice rosso all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, la donna è stata ricoverata in prognosi riservata.

La coda a Casnigo

In seguito all’incidente si sono verificate lunghe code sulla strada provinciale.

3 COMMENTI

  1. c’è un bellissimo sottopassaggio fatto appositamente per evitare queste cose, ma si vedono ancora molte persone sfidare il pericolo inutilmente andando poi a creare danno alle persone che transitano in macchina

  2. Troppa fatica fare il sotto passo. Non si rischia la vita è non si va a aumentare il traffico già intenso in questo tratto di provinciale come in altri. Altro punto di strada pericoloso è ha clusone in zona del supermercato carfour dove tutti attraversano allegramente sulla strada ignorando il pericolo pur sapendo che c’è un bellissimo sottopassaggio, e pensare che se gli suoni per avvisarli che ciò che stano facendo nella migliore delle ipotesi ti mandano a quel paese. Spero vivamente che qualcuno si muova e anziché mandare i vigili a fermare le macchine lì mandi a insegnare hai pedoni a usare quei bei sottopassi fatti anche coni loro sodi.

  3. Gentilissimi, sono la figlia della signora investita
    Non credo che una donna di 50 anni, con una famiglia, voglia rischiare la vita attraversando la strada in modo “incosciente”
    Mia mamma, abitando a Trescore, così come mio papà che era con lei, non era a conoscenza del sottopassaggio, non segnalato
    Concordo sul fatto di dover attraversare sulle strisce pedonali, e credo che la “fatica” di recarsi al sottopassaggio l’avrebbe fatta volentieri piuttosto che non svegliarsi più dal coma e non poter abbracciare più la famiglia
    Mi dispiace per il danno arrecato al signore in macchina ma mi dispiace maggiormente non poter più condividere la mia vita con mia mamma

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here