Home Notizie Piscine di Casnigo, il Comune di Vertova vuole lasciare la società

Piscine di Casnigo, il Comune di Vertova vuole lasciare la società

Vertova vuole lasciare la società del centro sportivo “Pietro Radici” di Casnigo. La decisione è stata votata mercoledì sera dal Consiglio comunale, che l’ha approvata all’unanimità (anche con il sì della minoranza).

La Impianti Polisportivi spa è una società ad intero capitale pubblico proprietaria delle piscine e degli impianti sportivi di via Lungo Romna a Casnigo. Ne fanno parte dieci comuni della Media Val Seriana e Val Gandino (Casnigo, Cazzano, Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Peia e, appunto, Vertova).

Il Consiglio comunale di Vertova ha votato per la dismissione della partecipazione azionaria. Ha pertanto deciso di vendere le sue quote. Il motivo lo spiega il sindaco Orlando Gualdi: «Il nostro Comune possiede circa il 14,5% delle quote. Ogni anno la nostra partecipazione alla società ci costa 17 mila euro, cifra che potrebbe aumentare in caso di opere di manutenzione straordinaria. Quello che abbiamo in cambio è uno sconto per i nostri cittadini e per le scuole del paese. Ma, quello delle scuole, vale meno dei 17 mila euro che dobbiamo mettere ogni anno. La Legge Madia, inoltre, prevede una razionalizzazione per questo tipo di società. È vero che c’è stato un rinvio al 2021, ma secondo noi bisogna comunque muoversi al più presto».

Cosa succederà adesso alle quote del Comune di Vertova? Lo Statuto della Società Impianti polisportivi spa all’articolo 7 prevede che «qualora un socio intenda trasferire in tutto in parte le proprie azioni dovrà previamente offrirle in acquisto agli altri soci e successivamente a terzi disposti all’acquisto; il prezzo delle azioni deve essere stabilito in base al reale valore del patrimonio della società al tempo della cessione; il consiglio di amministrazione, entro 10 giorni dalla proposta di vendita, provvederà a darne comunicazione a tutti i soci risultanti dal libro soci affinché possa essere esercitato il diritto di prelazione».

«In caso di mancato esercizio del diritto di prelazione da parte degli altri comuni, è nostra intenzione procedere alla cessione della quota di partecipazione a privati attraverso una procedura ad evidenza pubblica», conclude il sindaco.

Il presidente della Impianti Polisportivi spa Giorgio Valoti (sindaco di Cene) fa sapere che presto convocherà il Consiglio d’amministrazione per dare comunicazione ai soci e per decidere con loro le strategie da attuare.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here