Home Notizie Ormai conclusa l’opera omnia sugli scritti del Beato Tommaso da Olera

Ormai conclusa l’opera omnia sugli scritti del Beato Tommaso da Olera

È prossimo alla conclusione il grande lavoro sugli scritti del Beato Tommaso da Olera, il frate cappuccino laico beatificato a Bergamo il 21 settembre 2013, ma nato a Olera (Alzano Lombardo) nel 1563 e morto a Innsbruck 1631.

«Dagli studiosi di Tommaso da Olera e di mistica in generale, il quarto volume degli scritti, contenente le lettere, era atteso e finalmente è stato pubblicato da Morcelliana per le cure di Alessandra Bartolomei Romagnoli»: afferma Alberto Sana, curatore dei primi tre volumi.

Con quest’ultima pubblicazione ora mancano solo gli indici tematici e analitici, il cui completamento potrebbe essere raggiunto alla fine del 2020.

«È un libro importante – continua Sana -: contiene tutte le epistole rimaste dell’autore, e sono lettere perlopiù autografe, in cui spesso il frate cappuccino riassume con semplicità per i destinatari acquisizioni di sapienza mistica, come per esempio avviene nella più lunga (a Maria Cristina e a Eleonora d’Asburgo) o in quelle all’amico medico Ippolito Guerinoni. Nelle lettere ricompaiono i temi prediletti dei trattati: l’amore attraverso il dolore, l’importanza del cuore (del sacro cuore di Gesù), l’amore puro non mercenario».

«Le lettere – prosegue Sana – sono importanti anche perché ci mostrano direttamente lo stile dell’autore: che non è quello di un dotto teologo ma di un semplice frate illetterato. La curatrice del volume ci ricorda che “Ciò che si dice è ben più importante di come lo si dice”, e nella sua utile e informatissima introduzione ci fa vedere Tommaso come un “santo in azione”, un uomo in cui la visione mistica si accompagna sempre all’azione concreta. Nelle lettere sono molti i riferimenti alle amicizie, ai fatti storici di quei tempi tormentati, insieme a consigli da direttore spirituale: ad esempio “L’amore si conosce nel patire”, al Guerinoni “imparate a fare il pitocco, cioè il mendicante” e poi “tutto è pazzia fuori che temere e amare questo immelato Cristo”».

Il Beato Tommaso da Olera

«Nel volume appaiono rigorose le scelte editoriali – continua Sana -, moderatamente conservative, della Bartolomei Romagnoli; molto utili le note ai testi, ma anche le notizie storiche su personaggi e luoghi citati, nonché l’apparato iconografico».

«Il lavoro di Alessandra Bartolomei Romagnoli – continua Sana – è a mio parere eccellente, anche perché il rigore della studiosa si accompagna al calore dell’argomentazione e a una evidente simpatia per il personaggio».

Qui sotto un nostro articolo sulle precedenti pubblicazioni.

Continua il lavoro sugli scritti di Fra Tommaso da Olera

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here