Home Notizie Pisogne, cambio della guardia in Pro loco

Pisogne, cambio della guardia in Pro loco

Il dado è stato tratto. Con l’unanimità dei voti dell’intero Consiglio, nella serata di sabato 1 febbraio è stato eletto il nuovo presidente della Pro Loco Pisogne. A distanza di sei anni, Andrea Benaglio, ex presidente in carica, ha passato il testimone a Luca Romani, dottore ed ex vicesindaco nella giunta Invernici del comune di Pisogne.

«Sono stato consigliere e volontario della Pro Loco per molti anni, ora mi è stato chiesto di impegnarmi nelle vesti di presidente e ho colto l’offerta. Sono davvero onorato e spero di svolgere un buon lavoro come quello fatto da Andrea in questi sei anni», afferma il neo eletto Luca Romani. Una scelta non caduta casualmente, alle spalle ci sono anni di esperienza, fratellanza, collaborazione e sostegno, gli ingredienti perfetti che non devono mai mancare nella ricetta del successo. «Sono contento che Luca abbia accettato di candidarsi per ricoprire questa carica – racconta l’ex presidente della Pro Loco Pisogne,  Andrea Benaglio -. E’ sempre stato un importante membro attivo della Pro Loco con i suoi interventi costruttivi e propositivi, inoltre è sempre stato al mio fianco cercando di rassicurarmi nei momenti di bisogno».

Lungolagoloso

Sei anni di avventure, idee, nuovi progetti e sfide affrontati sempre con grande entusiasmo l’uno a fianco dell’altro come in una grande famiglia. «Fino a 7 anni fa praticamente non conoscevo nessuno dei membri del Consiglio, oggi capita frequentemente di vedersi fuori dagli impegni “istituzionali” per trascorrere del tempo in compagnia – sottolinea Andrea -. Credo che questo sia stato il vero elemento che ha fatto la differenza: aver creato insieme un gruppo di persone che si rispettano e si stimano a vicenda».

Un’esperienza vissuta a trecentosessanta gradi in ogni suo aspetto e così profonda che non sarà facile da dimenticare, soprattutto per Andrea che in questi anni si è sentito a casa, circondato da persone che si sostenevano reciprocamente nel bene e nel male. «Resterò sempre parte della Pro Loco perché mi sento legato alle iniziative sviluppate in questi anni. Già prima di divenirne il presidente interagivo nelle vesti di volontario agli eventi come la “Festa del Fungo e della Castagna” e “Lungolagoloso”. Ho già un paio di idee in realtà che mi piacerebbe proporre al nuovo Consiglio … ovviamente se il nuovo presidente Luca Romani vorrà – afferma Andrea accennando un sorriso -. Al di là del tempo dedicato al mio piccolo Luca e degli impegni lavorativi, dunque, la mia presenza in Pro Loco sarà ancora costante».

Pisogne, volontari al lavoro con le castagne
Pisogne, volontari al lavoro con le castagne

Se da una parte si inizia già a provare un sentimento di nostalgia riavvolgendo il nastro dei sei anni di carica presidenziale, dall’altro lato sorgono grandi speranze, ma anche qualche piccola preoccupazione. «Sono molto fiducioso, ho chiesto aiuto ai consiglieri della Pro Loco e so che sicuramente mi aiuteranno se ne avrò necessità. Mi auguro che ci sia ancora – come gli anni passati – la presenza di volontari, un valore aggiunto per l’intero operato – sottolinea Luca Romani. Ammetto di essere anche preoccupato però, perché prendere il testimone di uno bravo come Andrea non è facile: ha grandi capacità organizzative, una mente fervida di idee e di iniziative, ma farò del mio meglio».

Tirando le somme e dando un giudizio generale al bilancio finale, Andrea si dice soddisfatto dei risultati ottenuti, in particolar modo è felice di essere riuscito – insieme a tutti i membri – a conciliare gli eventi volti alla valorizzazione del territorio ad altri dal risvolto più sociale. «Sono stati anni di fioritura costante per la Pro Loco. Abbiamo lanciato, con risorse tutte nostre, il Sito Internet www.inpisogne.com per dare visibilità gratuitamente e democraticamente a tutte le “Case Vacanza” di Pisogne che da 9 sono passate in pochi anni ad essere 50 – continua l’ex presidente -. Tassello importante e da non dimenticare, è il fatto di essere stati i primi a credere e a portare alla Festa del Fungo il villaggio Terre Camune di Assocamuna: un’area con degustazioni e laboratori di produttori del Sebino e della Vallecamonica, che la scorsa domenica è stato presentato a Mela Verde disputando un grande successo».

Ottimi risultati sono stati ottenuti anche dal punto di vista del flusso turistico. Da quanto afferma Andrea pare che in questi anni, ai tradizionali turisti Tedeschi e Olandesi, si sia aggiunto anche un considerevole numero di turisti Spagnoli e Francesi. «I numeri in termini di presenza e flusso di turisti confermano il trend in atto ormai da 4 anni. Monitoriamo il numero e la nazionalità  di turisti che accedono all’info-point Pro Loco ed ogni anno abbiamo evidenziato un incremento, al netto ovviamente dei numeri generati da The Floating Piers».

Pisogne, vista del centro storico dalla Torre del Vescovo.
Pisogne, vista del centro storico dalla Torre del Vescovo.

Con un ricco passato alle spalle, ora tocca dunque a Luca Romani rimboccarsi le maniche e mantenere vive le tradizioni e gli appuntamenti che sono diventati ormai di casa Pro Loco Pisogne. «Al momento è ancora troppo presto per entrare nel dettaglio – conclude Romani -. Sicuramente porteremo avanti tutti gli eventi che la Pro Loco organizza da sempre, ma non escludiamo anche la possibilità di integrare il calendario con altri interessanti appuntamenti; solo il tempo ci darà delle risposte certe».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here