Home Notizie “Un nodo blu fuori dal Comune” a Clusone

“Un nodo blu fuori dal Comune” a Clusone

“Un nodo blu fuori dal Comune”: è l’iniziativa che ha coinvolto gli studenti di tutta la provincia di Bergamo con cui oggi, Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, sono stati posti due nodi blu, uno fuori da ogni scuola e l’altro fuori dai municipi.

Il progetto è stato promosso dal Forum Provinciale Associazioni Genitori Scuola (FoPAGS) e dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo in collaborazione con la Rete provinciale di contrasto al bullismo e al cyberbullismo e con il supporto della Provincia di Bergamo.

Di bullismo e cyberbullismo questa mattina ha parlato agli studenti della primaria e della secondaria di primo grado di Clusone anche il Vice Questore Aggiunto Angelo Lino Murtas. 

In mattina il sindaco dei ragazzi di Clusone Mattia Legrenzi ha consegnato il nodo blu al primo cittadino di Clusone Paolo Olini. «Purtroppo fra i ragazzi ci sono aggressioni non solo fisiche ma anche verbali – ha affermato Mattia Legrenzi -. Siamo noi ragazzi a dovere fermare queste aggressioni e non dobbiamo avere paura, i bulli spesso sono persone deboli».

 

«Con onore – ha commentato il sindaco di Clusone Paolo Olini -, questo è il secondo nodo blu che riceviamo. Dopo quello dei ragazzi del Fantoni, questa mattina prima con i ragazzi delle scuole elementari, poi con quelli delle medie, lo riceviamo e andiamo subito a esporlo come segno di questa Giornata. Ringrazio il Questore che abbiamo visto l’altro giorno, gli agenti che sono qui oggi e gli uffici scolastici. Mi auguro che queste giornate possano lasciare il segno».

«A volte non sembra – afferma la professoressa Karis Borlini, referente scolastica su bullismo e cyberbullismo -, ma quello del bullismo, che forse la gente conosce di più, e il cyberbullismo che può fare anche più male, è un problema dei ragazzi. A volte resta nascosto perché chi ne è vittima ha paura di mostrarsi. Quello che vogliamo fare capire attraverso questi incontri e i progetti che si fanno a scuola è che la scuola c’è. Poi bisogna valutare le varie situazioni, ma quando abbiamo le segnalazioni cerchiamo di riflettere con i ragazzi. Con la prevenzione si cerca di fare capire ai ragazzi quali sono le potenzialità delle tecnologie, ma anche i rischi, ad esempio per quanto riguarda la privacy».

Un servizio verrà trasmesso questa sera all’interno del telegiornale di Antenna2 alle ore 19.20 sul canale 88 del digitale terrestre.

Da sinistra l’assessore del consiglio comunale dei ragazzi Simone Carrara, il sindaco dei ragazzi Mattia Legrenzi, il sindaco di Clusone Paolo Olini e il Vice Questore Aggiunto Angelo Lino Murtas

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here