Home Notizie Negozi e supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta? Solo a Nembro

Negozi e supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta? Solo a Nembro

A Nembro tutte le attività commerciali (alimentari compresi) rimarranno chiuse nei giorni di Pasqua e Pasquetta. Lo stabilisce un’ordinanza firmata dal sindaco Claudio Cancelli.

Il provvedimento lascia comunque aperta la possibilità di ordinazione con consegna esclusivamente a domicilio. Sono escluse dalle misure farmacie, parafarmacie ed edicole. L’ordinanza, infatti, stabilisce “la chiusura per domenica 12 aprile 2020 (Santa Pasqua) e lunedì 13 aprile 2020 (Lunedì dell’Angelo) di tutti gli esercizi commerciali con la sola deroga a favore di rivendite di giornali, farmacie e parafarmacie e fatta salva, nel rispetto della vigente legislazione emergenziale, la sola vendita a domicilio, esclusivamente mediante la prenotazione on-line o telefonica e non presso l’esercizio commerciale, dei generi alimentari e di beni di prima necessità”. Qui il link al documento.

Ieri ha generato qualche incomprensione un vademecum della Polizia locale dell’Unione dei Comuni “Insieme sul Serio” (di cui fa parte anche Nembro) secondo cui «tutte le attività commerciali (compreso il settore alimentare) con eccezione delle farmacie e delle edicole» avrebbero dovuto rimanere chiuse. Quel punto, in realtà, riguardava solo il Comune di Nembro e non gli altri paesi, dove negozi e supermercati potranno aprire (salvo che altre amministrazioni intervengano con ordinanze).

3 COMMENTI

  1. Sono d’accordo con te Angelo!!!! Se teniamo chiuso, meno gente se ne va in giro. Personalmente, gestendo una salumeria, ho potuto capire che la gente x stare un po di più in giro , fa spesa un po in qst negozio , un po’ di spesa in quell’altro e in quell’altro ancora……. cosi
    il tempo passa, incontro più persone, e guarda un po’, io avendo permesso l’ingresso a una sola persona alla volta, c’è l’incontro in piazza (anche se non è). E vi assicuro, le persone aspettano ,
    a volte, mezz’ora se non di più. Ma usufruite del servizio a domicilio…… perché quel di sente e si legge ogni dove , da un mese e più a qst parte “RESTIAMO A CASA” ….. non è ancora entrato in testa!!!!!!!

  2. La gente già da anni, compra dove c’é più convenienza alcuni, e alcuni invece dove c’é più qualitá ed offerta.
    E questo non é colpa del covid…
    Che forse alcuni vorrebbero obligare altri ad acquistare tutto da loro? Se si, trattasi di monopolio: Non sta bene questo non sta bene.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here