Home Notizie Salta la camminata, ma non si spegne la devozione al Beato Tommaso...

Salta la camminata, ma non si spegne la devozione al Beato Tommaso da Olera

Lunedì 4 maggio (domani), oltre a essere la data dell’allentamento delle misure atte al contenimento del Coronavirus, nella Diocesi di Bergamo ricorre la memoria liturgica del Beato Tommaso da Olera.

Il cappuccino laico beatificato il 21 settembre del 2013 in Duomo a Bergamo nacque a Olera di Alzano Lombardo, centro della media Valle Seriana ultimamente tristemente noto in relazione al Covid-19, nel 1563 e si spense nel convento dei cappuccini di Innsbruck il 3 maggio del 1631.

Proprio al Beato Tommaso da Olera in molti si sono rivolti durante i momenti più bui della pandemia. Lo attestano anche i numeri della pagina Facebook del Beato Tommaso da Olera, il post dell’8 marzo sulla novena di preghiera, in una pagina con poco più di 800 iscritti, ha avuto circa 160 condivisioni.

E a poche ore dalla fine della fase 1, nella giornata in cui si ricorda la sua morte, c’è un altro dato che non passa inosservato: a Olera, borgo di 4-500 abitanti, non si sono registrati decessi legati al Coronavirus.

«A Olera e Monte di Nese – conferma il parroco don Angelo Oldrati – fortunatamente non ci sono stati decessi. Va anche detto che si tratta di piccoli centri abitati e le persone sono state sicuramente in grado di proteggersi. Sicuramente ha aiutato anche la conformazione stessa del borgo medievale, che resta un po’ isolato rispetto al centro. Ci sono state influenze, due-tre persone sono state in ospedale. La preghiera c’è stata sicuramente, ma non vorrei tirare conclusioni affrettate. Pensiamo sia doveroso rispettare anche il dolore che c’è stato».

«Le restrizioni quest’anno non ci hanno permesso – continua il parroco – di fare quanto avremmo voluto. Oggi abbiamo celebrato comunque la Messa della domenica a Olera trasmettendola in Internet. Al termine della Santa Messa abbiamo letto anche un messaggio del vice postulatore Padre Rodolfo Saltarin intorno alla figura del Beato Tommaso da Olera».

«Nella ricorrenza del transito del Beato Tommaso – afferma Doriano Bendotti del Centro Studi Fra Tommaso da Olera -, avvenuto alle 2 di mattina del 3 maggio 1631 nella cella del convento dei cappuccini di Innsbruck, bene ha fatto il nostro parroco don Angelo, con don Michele, a celebrare la S. Messa a lui dedicata in streaming proprio nella parrocchiale di S. Bartolomeo Apostolo con sullo sfondo il fantastico polittico di Cima da Conegliano. Così tutti i devoti al mistico cappuccino bergamasco, che dal 2014 partecipavano alla Marcia francescana dalla chiesa della Pace di Alzano ad Olera in suo onore e ricordo, hanno potuto sentirsi presenti, anche se distanti, nel pregare e invocare la protezione del Beato Tommaso in un momento particolare della storia che ha messo a rischio ognuno di noi».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here