Home Notizie Multe in zona disco, polemica a Fiorano

Multe in zona disco, polemica a Fiorano

Il centro di Fiorano in una foto di repertorio

Malumori a Fiorano al Serio per le multe che in questi giorni diversi cittadini si sono trovati sul parabrezza della propria auto. Il caso è stato sollevato su Facebook dal gruppo di minoranza in Consiglio comunale “Progetto per Fiorano al Serio”. 

Il post fa anzitutto riferimento al fatto che il paese è da tempo senza vigile. Il Comune ha indetto un concorso con l’obiettivo di trovare un nuovo agente, ma ci vorranno alcuni mesi per arrivare all’assunzione. Nel frattempo, il servizio viene svolto da agenti della Polizia locale di Treviolo in seguito a un accordo tra le due amministrazioni.

«Ci teniamo a sottolineare – si legge nel post della minoranza – che il ruolo della Polizia Locale anche in un comune piccolo è molto importante, ma tale ruolo dovrebbe essere garante della sicurezza e punto di riferimento per bambini, ragazzi, cittadini e commercianti per il bene comune».

«Noi siamo sempre a sostegno delle Forze dell’ordine – prosegue il gruppo di minoranza -, ma purtroppo in questo frangente con l’arrivo dei vigili temporanei riteniamo che l’amministrazione anziché pensare a fare solo cassa con le multe per le zone a disco orario dovrebbe usare buon senso pensando al fatto che i parcheggi sono pressoché deserti e le auto in sosta sono di commercianti che cercano di “sopravvivere” e cittadini che sono a casa costretti dal lockdown e non possiedono un box».

Le contravvenzioni sono state elevate per veicoli parcheggiati in via Roma, via Sora e via Locatelli, le strade nel centro del paese. «Stiamo vivendo tutti con difficoltà la situazione legata all’emergenza sanitaria: c’è chi è costretto a casa, chi in cassa integrazione – ci spiegano al telefono i rappresentanti del gruppo -. Ad esempio, ci sono stati comuni che hanno tolto il disco orario per venire incontro ai cittadini. In questo momento non c’è esigenza di liberare parcheggi. L’amministrazione avrebbe dovuto gestire meglio questo passaggio».

Cosa intendano per migliore gestione, i consiglieri di minoranza lo hanno scritto su Facebook: «Ci aspettavamo almeno un comunicato ufficiale da parte dell’amministrazione che avvisava le parti interessate dell’arrivo di queste figure e che aziende e commercianti fossero interpellate per dare un feedback costruttivo e per far sì che le forze dell’ordine potessero operare per il bene comune della cittadinanza».

Abbiamo contattato il sindaco Andrea Bolandrina per avere anche il suo punto di vista. «La mancanza della Polizia locale sul territorio si è sentita per parecchio tempo – spiega -. Gli agenti garantiscono maggior sicurezza e rispetto delle norme, che comunque dovrebbero essere sempre osservate. Se c’è una trasgressione, è ovvio che ci debba essere anche una sanzione. Non è mai stata nostra intenzione fare cassa, c’è solamente la volontà di far rispettare le norme. La Polizia locale, inoltre, è autonoma: l’amministrazione comunale non può interferire sui controlli. Ricordo poi che gli agenti si occupano anche di altro. Ad esempio, in questo periodo è stato scoperto un abuso edilizio e si sta cercando di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti».

Quanto alla richiesta di maggior tolleranza in questa fase di zona rossa, il sindaco risponde: «La situazione è diversa rispetto al lockdown di inizio anno. Ci sono delle attività aperte, se vogliamo tutelare i commercianti bisogna garantire il ricambio dei parcheggi. Inoltre, sottolineo che parcheggi a Fiorano ce ne sono, anche senza disco orario, se qualcuno ha necessità di lasciare l’auto perché privo di box».

5 COMMENTI

  1. Questo si, é voler far cassa a qualunque costo; e sono andati fino a Treviolo per trovare qualcuno per farlo…
    Cose di questo tipo e in momenti come questi (Covid in mezzo a noi ancora forte) la Polizia Locale dell’Unione sul Serio con sede a Nembro, mai le ha fatte anzi… un grande merito a loro!

  2. Penso di essere stato il primo a farlo presente, e ad aver subito chiamato il comune, dove mi sono sentito rispondere che il sindaco o chi per lui non poteva avvisare, perché avrebbe commesso un reato. Al che ho agganciato. Da trentadue anni circa in commercio a Fiorano uno si aspetterebbe anche un po’ più di considerazione. Ma come sempre ti ascoltano e poi fanno quello che gli pare, perciò da tempo sono uscito dalla ass. Commercianti.

  3. Il fatto che ci sia il covid non giustifica che ognuno possa far quel cavolo che vuole. Zona disco si rispetta come si rispettano altre normative. Il problema box non deve sicuramente gravare sui cittadini visto i parcheggi sin pubblici. In alternativa si paga occupazione del suolo pubblico

  4. Avvisare? Ma avvisare de che? Se un parcheggio è a disco orario, è a disco orario punto.
    Sono parcheggi pensati per i clienti dei negozi e quindi a rotazione; se uno non ha il box o è proprietario di un negozio può benissimo lasciare l’auto alla modica distanza di 350m in via Terruzzi.

  5. Troppa gente in Italia vorrebbe agire secondo convenienza approfittando delle circostanze per poter accampare pretese !!!

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here